Sport: si è spento Felice Pulici, portiere dello scudetto della Lazio 1974

Si è spento all’età di 72 anni Felice Pulici, portiere della Lazio che conquistò lo scudetto nella stagione 1973/1974. Pulici ha vestito la maglia biancoceleste per sei anni e nel 1983 ha anche allenato la Primavera, per poi entrare nello staff societario ricoprendo vari ruoli dirigenziali. La società ha espresso il suo cordoglio su Twitter: “La S.S. Lazio, il suo presidente, l’allenatore, i giocatori e tutto lo staff esprimono profondo cordoglio per la scomparsa”. “Perdiamo un grande laziale e un grande uomo” ha detto poi Simone Inzaghi in conferenza alla vigilia del match con l’Atalanta. “La sua scomparsa è una tragica notizia che tocca tutto il mondo Lazio – ha aggiunto -. Ho un ricordo bellissimo di Felice: quando sono arrivato era un dirigente molto vicino a noi giocatori ed è stato importante per le nostre vittorie”.
Felice Pulici inizia a giocare nella squadra dell’oratorio di Albiate (l’A.S.D. Azzurra Oratorio Albiate), subito nel ruolo di portiere; la sua carriera calcistica continua con nelle giovanili del Lecco da dove passa al Novara in Serie C1. Con la squadra piemontese ottiene la promozione in Serie B alla fine del campionato del 1969-70 dove gioca per altri due anni. Gioca in B con la maglia del Novara fino alla fine della stagione 1971-72, durante la quale giocando contro la Lazio, sua futura squadra, subisce 5 reti. Passò quindi alla Lazio di Tommaso Maestrelli appena tornata nella serie maggiore. Per cinque anni ne difese la porta senza mai mancare una partita, partecipando alla storica vittoria nel campionato del 1973-74. Ceduto nell’ottobre del 1977 al Monza, fu per tre anni il portiere dell’Ascoli in Serie A. Nel 1982 torna alla Lazio per una sola stagione, terminata la quale si ritira dal mondo del calcio giocato. In totale tra campionato, coppa nazionale e coppe europee disputa 202 partite con la maglia biancoceleste in carriera.