Cinema, Marcello Fonte vince il Premio Efa come migliore attore europeo

Marcello Fonte ha vinto il premio come miglior attore agli Efa. Il protagonista di Dogman di Matteo Garrone bissa così il premio vinto a Cannes. Quando è stato pronunciato il suo nome, l’attore incredulo ha ripetuto più volte “No, no”. Poi salito sul palco degli Oscar europei per ritirare il premio: “C’erano tanti più bravi di me, veramente. C’era… Chi è il ragazzo, la ragazza fantastico – ha detto scherzando e indicando Victor Polster, protagonista di Girl – aiutami, complimenti, sei femmina o maschio?”. “Onorato, veramente. Vabbe’ grazie”, ha aggiunto emozionatissimo. Marcello Fonte Ha vissuto la propria infanzia e adolescenza ad Archi, in periferia di Reggio Calabria, dove all’età di 10 anni impara a suonare il rullante nella banda musicale del paese (esperienza che rielaborerà nel film autobiografico Asino vola). Altra esperienza formativa importante è il periodo passato nel gruppo scout Agesci Reggio Calabria 9 ad Archi Carmine. Si trasferisce a Roma nel 1999. Custode presso il Teatro Valle, spinto anche dal fratello scenografo, si appassiona alla recitazione e ottiene piccole parti in produzioni televisive e cinematografiche. Nel 2015 scrive, co-dirige (con Paolo Tripodi) e interpreta Asino vola, presentato al Locarno Festival all’interno della sezione Piazza Grande. Successivamente recita nella serie tv La mafia uccide solo d’estate di Luca Ribuoli (2016) e nei film L’intrusa di Leonardo Di Costanzo (2017) e Io sono Tempesta di Daniele Luchetti (2018). Nello stesso anno interpreta il ruolo del protagonista in Dogman, pellicola di Matteo Garrone per cui vince il Prix d’interprétation masculine al Festival di Cannes. È stato tra gli occupanti del Teatro Valle e di centri sociali quali il cinema Palazzo e l’Angelo Mai.