Campo di mare, osservato speciale 2019

Dopo il varo del quadro economico, Cerveteri in attesa del finanziamento regionale per riqualificazione del Lungomare degli Etruschi

 

di Alberto Sava

Riguadagna agli onori della cronaca la riqualificazione del Lungomare degli Etruschi. Punto ‘bandiera” dei programmi elettorali del sindaco, plurisventolato da Pascucci con lo slogan consideratelo già fatto. Ma solo a cavallo tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019 il Comune ha approvato il nuovo quadro economico, con determina n.1889 del 4/12, per la riqualificazione e valorizzazione del Lungomare Navigatori Etruschi a Campo di Mare e realizzazione di percorsi atti a garantire l’accesso al mare e la fruibilità degli arenili.  Il Comune aveva presentato manifestazione di interesse all’avviso pubblico della Regione Lazio relativo al “Piano degli interventi straordinari per lo sviluppo economico del litorale laziale” e approvato nel 2016 la delibera di Giunta per procedere alla presentazione della istanza alla Regione Lazio e del progetto esecutivo di intervento per un importo di euro 1.220.000,00. La cifra era così ripartita: 790.000,00 attraverso il finanziamento da concedersi da parte della Regione stessa nell’ambito del “Piano del degli interventi straordinari per lo sviluppo economico del litorale laziale” e per €. 430.000,00 quale partecipazione comunale alla spesa. L’area di Lungomare dei Navigatori Etruschi interessata dai lavori è ricompresa tra le aree afferenti “rete stradale e marciapiedi” che con delibera di giunta n. 134 del 28/05/2004 ne è stato riconosciuto formalmente l’uso pubblico. Tra la documentazione tecnico-amministrativa da trasmettere, unitamente al progetto esecutivo alla Regione Lazio, ai fini della formale ammissione a finanziamento regionale, era ricompresa la comprova della “disponibilità e titolo di possesso dell’area o della aree oggetto di intervento (comodato d’uso, ecc.) e la loro destinazione ad uso pubblico”. Il 26/05/2016 la società Ostilia s.r.l. e il Comune di Cerveteri hanno sottoscritto ad hoc un contratto di comodato d’uso gratuito delle suddette aree di sedime del Lungomare dei Navigatori Etruschi. Si è quindi avviato con la Direzione Regionale competente un confronto attraverso osservazioni e richieste di integrazioni alla domanda a suo tempo presentata: alla stessa è stato dato riscontro con specifica nota prot. 35799 del 03/08/2018, con la quale, oltre a fornire riscontro ed argomentazioni in ordine alle osservazioni poste dalla Direzione Regionale, in esito si trasmetteva un nuovo quadro economico “aggiornato” con un importo lordo lavori pari a € 858.474,76, ottenuto stralciando dall’originario importo pari a € 906.617.96. Come si legge nell’atto Nelle more della definizione della proprietà della particella ex 10 ora 1495 del foglio 53, non ricompresa nel comodato, interessata da opere di scarsa rilevanza quali il diserbo e la posa di opere temporanee stagionali facilmente removibili, si propone lo stralcio delle stesse opere dalla richiesta di finanziamento. Stante l’importanza delle opere in questione per l’abbattimento delle barriere architettoniche, l’amministrazione comunale ritiene necessario confermare la volontà di realizzare l’intero progetto non appena definito l’aspetto disponibilità delle aree”. Quindi, il progetto di base resta invariato mentre la richiesta di finanziamento viene riallineata alle opere di cui è stata dimostrata la disponibilità ed oggetto di comodato di uso gratuito. Per quanto attiene le opere per le quali si è proposta l’esclusione dalla richiesta di finanziamento l’amministrazione provvederà con fondi propri, non appena ottenuta la disponibilità dell’area. Nel nuovo quadro economico approvata resta invariata la quota di partecipazione comunale del 35.25%. Ora, la parola ora passa alla Regione Lazio per il finanziamento.