Parigi, forte esplosione in un edificio in rue de Trevise: tre le vittime e 37 feriti tra cui due italiani

E’ salito a 3 morti il bilancio della forte esplosione avvenuta questa mattina in una panetteria a Parigi, nei pressi dell’Opera. A comunicare che le vittime sono 2 – e non 4, come precedentemente riferito dal ministero degli Interni – è stata la procura della capitale francese. Secondo l’ultimo aggiornamento, i feriti sono 47, 10 in gravi condizioni e 37 in modo lieve. Ci sono anche tre italiani, tra cui, una donna in gravi condizioni, dipendente di un hotel delle vicinanze. Gli altri due connazionali feriti, in modo lieve, sono un videomaker della trasmissione “Cartabianca” eun inviato di Agorà, che si trovavano nella capitale francese per seguire la manifestazione dei gilet gialli. L’ipotesi della fuga di gas è al momento la più accreditata per l’esplosione che si è verificata poco prima delle 9 in rue de Trévise, nel IX arrondissement. Tra i feriti nell’esplosione di una panetteria a Parigi, ci sono anche tre italiani, una donna, le cui condizioni sarebbero gravi, un videomaker di ‘Cartabianca’, la trasmissione di Bianca Berlinguer su Rai3, Valerio Orsolini, e un inviato di ‘Agorà’ Matteo Barzini. Orsolini “si trovava a Parigi per seguire la manifestazione di oggi dei gilet gialli – racconta Berlinguer all’Adnkronos – al momento dell’esplosione era nella sua stanza d’albergo di fronte alla panetteria”, investita dalla deflagrazione.
“Valerio ha avuto un sangue freddo eccezionale – dice ancora l’ex direttrice del Tg3 – perché ha filmato tutto e le immagini da lui girate vengono mandate in onda sui telegiornali”. Il videomaker è rimasto ferito in modo lieve “sopra a un occhio, è stato medicato prima in albergo, perché non permettevano a nessuno di uscire – racconta infine Berlinguer – ora però è al Pronto soccorso”. L’esplosione, dice ancora la conduttrice di Cartabianca, “è avvenuta mentre Valerio si stava preparando per andare a girare”. A Parigi c’era anche l’inviato Claudio Pappaianni, che è rimasto illeso.