Siria, ferito il fotografo italiano Gabriele Micalizzi

0
52
Il fotografo italiano Gabriele Micalizzi è rimasto ferito in Siria, nella zona di Deir Ezzor, dove è in corso un’offensiva delle forze curdo-arabo siriane contro l’Is. E’ quanto si apprende da fonti informate, secondo cui il fotografo, che era impegnato in un servizio con un collega della Cnn, è ricoverato nell’ospedale della base americana ‘Omar Field’, dove è arrivato cosciente. Il caso viene seguito con attenzione dall’inviato de ‘Il Giornale’ Fausto Biloslavo. “Mi sto occupando di Gabriele” dice Biloslavo. Micalizzi è rimasto ferito nella provincia di Deir Ezzor, nell’est della Siria, una delle ultime porzioni di territorio sotto il controllo del sedicente Stato islamico (Is). Sabato scorso le Forze democratiche della Siria (Fds, alleanza curdo-araba dominata dalle Ypg) hanno annunciato di aver dato il via “all’ultima battaglia” contro l’Is nell’est del Paese arabo. L’offensiva a Deir Ezzor è in corso da settembre. Le Fds “hanno iniziato a muoversi verso l’ultimo villaggio rimasto sotto il controllo dei jihadisti in Siria – ha detto sabato il portavoce Mustafa Bali, citato dalla tv Rudaw – Presto il villaggio di Baghouz (nella provincia di Deir Ezzor) sarà ripulito dalla presenza dell’Is”. Stamani il direttore dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, Rami Abdel Rahman, ha confermato la “lenta” avanzata delle Fds e le minacce rappresentate dai cecchini dell’Is, dalle mine collocate dai jihadisti sulla strada e dai tunnel scavati dai miliziani. Secondo Mustafa Bali, ci sono “decine di ostaggi delle Fds in mano all’Is”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here