Musica, la New York Public Library apre gli archivi del rocker Lou Reed scomparso nel 2013

0
15
Dopo due anni di lavoro di catalogazione e a 6 dalla morte del cantante, la New York Public Library apre gli archivi di Lou Reed. Sono oltre 600 ore di musica, tra cui i nastri di “Pale Blue Eyes” e “Sweet Jane” e una versione acustica di “Don’t Think Twice”, “It’s All Right” di Bob Dylan, e poi appunti, fotografie, poster, disegni, la collezione personale di LP dell’autore di “Perfect Day” e i disegni sul tai chi, l’arte marziale alla quale si era appassionato negli ultimi anni di vita. Per l’occasione, la biblioteca ha creato un’edizione limitata di seimila tessere con l’iconica foto di Reed – morto nel 2013 a 71 anni – scattata da Mick Rock nel 1972. I contenuti dell’archivio, acquistato dopo che la vedova, Laurie Anderson, ha deciso di condividerlo con un’istituzione che potesse dare risalto alla legacy del marito, sono disponibili nella sede distaccata della Library a Lincoln Center, a poca distanza dagli scaffali dove sono conservate le carte di Arturo Toscanini e una ciocca di capelli di Beethoven.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here