Elezioni europee, Nicola Zingaretti presenta il nuovo logo del Pd

Un nuovo logo per le Europee : al simbolo del Pd si accompagna la scritta bianca ‘Siamo europei’ su sfondo blu insieme alle stelle della bandiera Ue e il logo rosso del Pse. Questo il simbolo con cui il Partito democratico correrà alle prossime elezioni in Ue. La nuova grafica è stata presentata al Nazareno dal segretario Pd, Nicola Zingaretti, da Carlo Calenda e dal presidente dem Paolo Gentiloni. “E’ la nostra sfida per vincere le elezioni europee”, ha scandito Zingaretti alzando il velo sul simbolo.”La prima parola d’ordine è sicuramente unità. E’ un’offerta di unità, uno strumento al servizio del cambiamento e della necessità in questo Paese di unirsi per fermare una pericolosa deriva nazionalista che può condizionare in maniera intollerabile il nuovo Parlamento europeo”. “Giuliano Pisapia ha dato la sua disponibilità e guiderà la lista nel collegio Nord-Ovest, ma con lui tanti altri e tante altre si stanno aggregando per rendere questo il luogo del pluralismo e della ricchezza della proposta politica italiana” ha confermato Zingaretti. Carlo Calenda sarà invece capolista nel Nord-Est. “Senza Europa non c’è futuro per questo Paese – ha aggiunto il segretario dem -, non c’è futuro alcuno per le prospettive di vita degli italiani. Compito dei nazionalisti è distruggere un’ipotesi di futuro perché questo rende più facile guardare al passato e riproporre schemi del passato. Noi crediamo invece nella necessità che l’Europa diventi sempre di più il baluardo della costruzione di una prospettiva per i cittadini europei”. E ancora: “I dati economici del nostro Paese sono drammatici. Penso in particolare a chi governa, al ministro Salvini ma non solo. Non date le armi alle persone, dategli il lavoro se siete capaci”. “Non meritiamo di essere un Paese alla periferia dell’Occidente, alla periferia dell’Europa. Dobbiamo rimanere in serie A” ha detto poi Calenda, promotore del manifesto ‘Siamo europei’. Rimanerci assieme “a quei grandi Paesi fondatori con cui si può discutere, ci si può scontrare ma che sono nostri partner nella costruzione europea”. Sul simbolo, ha scandito l’ex titolare del Mise, “rappresenta l’unità delle forze progressiste e liberali, civiche ed europeiste”. “L’Italia rischia di essere il primo grande Paese fondatore a uscire dall’Europa e dall’Occidente, un pericolo mortale” ha avvertito Calenda, annunciando la propria candidatura come capolista nel Nord-Est. “La nostra offerta politica si rivolge non solo ai socialdemocratici ma anche ai popolari e ai liberali che condividono i valori dell’Europa”, ha aggiunto. “Basta divisioni – ha sottolineato – serve un fronte comune”. Quello con cui il Pd correrà alle prossime europee “è un bel simbolo” e “rappresenta il massimo di unità possibile che siamo riusciti a realizzare. La lista è aperta a sinistra ma anche al centro, alle culture liberali e ambientaliste, alla cultura cattolica” ha poi aggiunto il presidente del Partito democratico, Paolo Gentiloni. “E’ l’unica possibilità che abbiamo di essere davvero competitivi con l’Italia sovranista e populista”.