Roma, operazione anti degrado a Piazza Venezia e Fontana di Trevi: 14 persone multate, una denunciata

0
164
Per tutta la giornata di mercoledì, i Carabinieri del Comando Roma piazza Venezia hanno eseguito una massiccia attività finalizzata al contrasto di eventuali forme di illegalità e degrado nella zona di Piazza Venezia, Fontana di Trevi e vie limitrofe. Il bilancio dell’operazione è una persona arrestata e 14 cittadini stranieri sanzionati per un importo complessivo di oltre 34.000 euro. A finire in manette un 33enne italiano, sorpreso dai Carabinieri subito aver rubato un costoso smartphone dallo zaino di un turista cinese. Dei 14 sanzionati: 2 cittadini del Bangladesh di 22 e 47 anni, sono stati “pizzicati” dai militari mentre vendevano ed esponevano prodotti non alimentari a poche metri dall’Altare della Patria. I due sono stati trovati in possesso di merce di vario genere (aste per selfie, Power Bank, ombrellini e impermeabili poncho) che è stata recuperata e sequestrata dai Carabinieri; per quattro cittadini stranieri, 2 del Bangladesh di 47 anni un 46enne indiano e un 38enne del Ghana, i Carabinieri hanno fatto scattare la sanzione per la violazione del divieto stazionamento, con contestuale ordine di allontanamento per 48 ore, perché notati, con atteggiamento molesto ed eccessivamente insistente, a vendere abusivamente i loro prodotti ai turisti in attesa alle fermate degli autobus in Piazza Venezia. Nei guai anche i conducenti dei “Segway selvaggi”: 10 cittadini del Bangladesh uno del Pakistan e un ghanese, a bordo del mezzo elettrico a due ruote sorpresi a vendere abusivamente biglietti di varie agenzie turistiche, per tour cittadini a bordo di bus scoperti a ignari turisti o mentre esponevano cartelli pubblicitari di attività turistiche senza la relativa autorizzazione. Nei loro confronti, oltre alla sanzione amministrativa, è scattata anche la contravvenzione per il mancato rispetto delle norme sulla circolazione stradale e dei pedoni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here