Emergenza invisibili a Ladispoli,numerosi senzatetto soccorsi in città

Vivono sotto i ponti, li vedi alla ricerca di monete da spendere per vivere

Emergenza invisibili a Ladispoli,

numerosi senzatetto soccorsi in città

Intervento degli agenti della Polizia locale e dei medici del 118

per un clochard in precarie condizioni di salute e in stato di ebbrezza

 

E’ emergenza invisibili in città Nei giorni scorsi la polizia locale e il 118 è dovuto intervenire in via Flavia a Ladispoli per cercare di convincere un clochard in precario stato di salute e visibilmente ubriaco a sottoporsi alle cure dei sanitari. Solo dopo vari tentativi sono riusciti a portarlo in ospedale. Sempre pochi giorni fa, alcuni automobilisti si sono imbattuti su un senzatetto in evidente stato di ebbrezza, anche lui in precarie condizioni di salute, sdraiato sul marciapiede con le gambe rivolte in strada. Un pericolo per sé e per i passanti. A nulla sono valsi i tentativi dei passanti di convincerlo a farsi vedere da un medico. Giunto sul posto il 118, il clochard ha rifiutato le cure. Molti di loro vivono dove capita. Nelle frazioni ladispolane, in baracche arrangiate, o sotto i ponti, come ad esempio il cavalcaferrovia che da via Caltagirone porta a viale Europa. Qui, nonostante lo sfratto eseguito qualche anno fa dall’amministrazione comunale, i senzatetto sono tornati. Palazzo Falcone aveva provveduto a sigillare l’entrata ai locali, ma i senzatetto sono riusciti a scardinarla. Col tempo accanto ai locali già esistenti sotto al ponte si è anche aggiunta una baracca.