Tav, il ministero delle Infrastrutture licenzia un tecnico che si era dissociato dalla valutazione negativa sui costi-benefici

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha licenziato Pierluigi Coppola, uno degli esperti che si era dissociato dalla valutazione negativa sulla Tav elaborata dalla commissione costi-benefici di cui faceva parte. A confermare le anticipazioni del ‘Messaggero’ è lo stesso ministero. L’ingegnere è stato licenziato con una Pec firmata dal ministro Danilo Toninelli. Coppola, spiegano al Mit, “ha violato la riservatezza rilasciando interviste non autorizzate e soprattutto resta un’ombra su di lui, in merito al falso contro-dossier con numeri sballati sulla analisi costi-benefici Tav che gli è stato attribuito sulla stampa e di cui poi lui ha smentito la paternità senza però chiedere rettifica ai giornali che glielo attribuivano”. Classe 1972, originario di Napoli, docente a Tor Vergata ed esperto di “studi di fattibilità”, il professor Pierluigi Coppola è l’unico dei 6 membri del gruppo di lavoro sull’anali costi-benefici a non aver firmato il documento. Gli altri esperti, capitanati da Marco Ponti, erano Paolo Beria, Alfredo Drufuca, Riccardo Parolin e Francesco Ramella. Si è laureato alla Federico II di Napoli, ed è dal 2010 professore associato di ingegneria dei Trasporti nel dipartimento di Ingegneria dell’Impresa all’università di Tor Vergata, a Roma. Nel suo curriculum figura anche una docenza al Massachussets Institute of Technology e un corso di specializzazione organizzato dalla Croucher Foundation di Hong Kong. Era l’unico confermato dalla vecchia struttura voluta dal predecessore di Danilo Toninelli, il Pd Graziano Delrio. Dal Mit era arrivata la precisazione Coppola non aveva partecipato, “in specifico, alla stesura della relazione sulla analisi costi-benefici Torino-Lione”.