Cile, undici settembre 1973: Johnny prese il fucile

0
12

Cile, undici settembre 1973: Johnny prese il fucile

Di Angelo Alfani

 

 

La storia fa spesso brutti scherzi. Ci sono degli avvenimenti che, per pura coincidenza temporale, ne sovrastano altri, lasciandoli alcune volte in ombra ed a rischio di dimenticanza.

Uno di questi èquanto avvenuto lundici di settembre: il golpe militare nel 1973 in Cile e lattentato alle Torri gemelle, circa trentanni dopo.

L’altro il 9 maggio 1978 giorno in cui la mafia uccise nelle campagne di Cinisi Peppino Impastato, militante di Lotta continua, coincidente con il ritrovamento del corpo dellonorevole Aldo Moro, ucciso dalle Bierre, in via Caetani nel cuore della Capitale.

L’attentato al cuore della Grande Mela ha avuto una tale rilevanza è legittima amplificazione mediatica, che il rovesciamento fascista con conseguente dittatura sanguinosa in Cile, rischia sempre più di riessere semplice dettaglio, da ricordare per ossequio e dovere di cronaca.

Per storia personale, per un forte legame che mi lega, dalla primavera inoltrata del 1974, ad un amico cileno, dirigente regionale del MIR, riuscito fortunosamente a raggiungere la nostra Ambasciata a Santiago (in cui, accanto alla stragrande partecipazione solidale degli addetti non mancarono momenti di pura cattiveria nei confronti dei “rossi”), vivendoci per mesi, con langoscia ed il dolore dato anche dalla impotenza nel sentire tutto attorno  la morte e la tortura sistematicamente praticata nel Paese, lundici di settembre ricorda vividamente la fine del Governo Allende.

Amico e compagno cileno, che trascorse mesi a casa dei miei e che toccocon mano la vicinanza di alcuni, allora, giovani cervetrani e ladispolani che lui ricorda, ancora oggi, conaffetto e commozione.

Riprendo un articolo del giornalista A. Leogrande, scritto alcuni anni fa sul Sole 24 Ore,recensendo il libro di Luis Sepulveda: Storie ribelli, che mi pare possa racchiudere al meglio quale iato ,quale distanza abissale esistesse tra lentusiasmo e partecipazione al nuovo di giovanissimi rivoluzionari e la ferocia militare al servizio delle forze del buio, e del ritorno al passato.

“C’è un momento aurorale, una frattura, un punto di non ritorno nel mezzo della biografia di Luis Sepulveda.

Questo evento coincide con la mattina dell11 settembre 1973. Con lassalto della Moneda, il palazzo presidenziale di Santiago, ad opera delle forze armate golpiste di Augusto Pinochet.

Il giorno più  nero del Cile spuntocoperto di nuvolescrive allinizio di 11 settembre 1973; e Johnny prese il fucile, il racconto che apre la raccolta di Storie ribelli.

Il Johnny del titolo era un ragazzo cileno entrato a soli 21 anni nel GAP (il Gruppo di amici del Presidente)che costituiva una piccola formazione di guardie del corpo volontarie di Salvador Allende.

Allende non si fidava ed a ragione, della protezione ufficiale fornita da polizia e carabinieri.

Così era stata creata una squadra di giovanissimi militanti che seguiva il Presidente giorno e notte. Dei GAP faceva parte anche Sepulveda fin dal 1971.E nei GAP era poi entrato anche Johnny, il cui vero nome era Oscar Reinaldo Lagos Rios. Il nome di battagliaglielo aveva dato proprio Allende.

Il giorno dellassalto alla Moneda, Johnny rimase allinterno del Palazzo con altri dodici uomini del GAP.

Con loro anche una decina di poliziotti rimasti fedeli al Presidente. I carabinieri, invece, allinizio del golpe avevano subito lasciato solo il presidente legittimamente eletto, passando dalla parte dei golpisti.

Quel gruppo di uomini resistette per ore allassalto dellesercito ed al bombardamento della aviazione.

Li misero in scacco fino al pomeriggio armati di soli fucili.

Dopo la conquista del Palazzo ed il suicidio di Allende, gli ultimi difensori della Moneda furono condotti nella caserma del reggimento Tacna, uno dei fulcri del golpe.

I poliziotti, dopo essere stati torturati, vennero rilasciati. Gli uomini del GAP no :dopo aver subito interminabili sevizie, dopo essere stati mutilati, vennero assassinati e sepolti in una fossa comune.

In seguito, per timore che venissero individuati ,i loro resti furono trasferiti dai militari a Fuerte Arteaga, e qui gettati in una buca profonda dieci metri, fatti saltare in aria con la dinamite e infine coperti di terra.

Tra loro cera anche Johnny.

 

P.s.

La foto mostra prigionieri politici nel campo da calcio di Santiago

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here