Manchester, dieta supercalorica a base di ‘junk food’: muore per obesità una 13enne

Una dieta supercalorica a base di junk food è ritenuta la causa della morte di una 13enne obesa a Manchester. Lo riferisce il quotidiano Metro, che identifica la teenager, affetta da obesità, con la sigla ‘F1’ e fa riferimento all’indagine che riguarda anche la condotta della madre: la donna non avrebbe fatto nulla per correggere le abitudini alimentari della ragazzina e, anzi, l’avrebbe spinta ad assumere 2000 calorie extra oltre ai pasti. Inutili i tentativi di coinvolgere la signora in un percorso per regolarizzare le abitudini alimentari della figlia e controllarne il peso. La situazione, secondo la ricostruzione del quotidiano, è precipitata nel 2015, con il ricovero della giovane paziente. Anche in quella circostanza la donna, che definiva la figlia ”pigra” e la apostrofava con termini come ”ciambella”, ha mantenuto un atteggiamento ostile e aggressivo nei confronti dello staff sanitario. Gli esami hanno evidenziato un quadro clinico complesso, con una cardiomiopatia dilatativa nell’ambito di un generale stato di obesità morbida. Le condizioni della paziente sono rapidamente peggiorate fino al decesso avvenuto ad aprile.