Stazioni Rfi del Lazio, il bilancio della Polizia ferroviaria

3 persone arrestate, 12 persone denunciate in stato di libertà, 4536 persone identificate, pattuglie impiegate a bordo treno,  460 pattuglie impiegate in stazione,  229 treni scortati, 5 contravvenzioni al regolamento di Polizia Ferroviaria. Inoltre sono stati emessi 3 ordini di allontanamento dallo scalo di Roma Termini in osservanza delle disposizioni in materia di “sicurezza nelle città”. Questo il bilancio dell’attività messa in campo dalla Polizia di Stato –  Compartimento per il Lazio, nel corso della settimana scorsa, per  il controllo del “territorio ferroviario” della Regione. In particolare, nelle prime ore del 16 settembre, gli agenti del settore operativo della Polizia Ferroviaria di Roma Termini, insieme ad un equipaggio del reparto Volanti della Questura di Roma, sono intervenuti in via Giolitti dove hanno arrestato un 37enne algerino per tentata rapina in concorso con una persona rimasta ignota. Lo straniero, bloccato da una guardia giurata, poco prima aveva aggredito e minacciato un bigliettaio di una ditta di trasporto urbano, cercando di rubargli la borsa contenente l’incasso. La reazione della vittima ha impedito allo straniero di portare a termine l’intento criminoso. Il 22 settembre, all’interno della Stazione di Roma Termini, personale della Squadra di P.G. Compartimentale, unitamente a personale del Reparto Operativo di Roma Termini ha arrestato un individuo di circa 29 anni, per furto pluriaggravato in concorso con persona rimasta al momento ignota. Nello specifico, il reo, nei pressi di un locale commerciale dello scalo ferroviario, si è impossessato di un bagaglio contenente un tablet, la somma di euro 600 ed altri effetti personali grazie ad un complice, rimasto ignoto, che, facendo cadere a terra delle monete, ha distratto il proprietario del bagaglio consentendo, così, il furto di quanto descritto. I poliziotti in servizio, notata la scena, hanno bloccato lo straniero con ancora indosso la refurtiva ed è stato arrestato.