Lampedusa, si cercano i dispersi del naufragio della scorsa notte

Sono riprese le ricerche dei dispersi del naufragio al largo di Lampedusa nella notte tra domenica e lunedì costato la vita a 13 donne. Un elicottero della Guardia costiera sta sorvolando la zona della tragedia per cercare eventuali superstiti. Sono almeno 15 le persone disperse tra cui 4 bambini di cui uno di 8 mesi e un altro di 2 anni. E’ quanto dicono gli inquirenti che hanno ascoltato ieri i 22 superstiti che si trovano all’hotspot di Lampedusa. Al momento non ci sono mezzi navali a causa del maltempo. Le condizioni meteo sono in netto peggioramento.
Le tredici salme lasceranno oggi l’isola a bordo di un aereo militare. Questa mattina le bare verranno benedette dal cardinale Francesco Montenegro. Su 13 vittime solo 5 persone sono state identificate: sono tutte di nazionalità subsahariana. Intanto nuovo briefing degli inquirenti questa mattina per fare il punto sulle indagini sul naufragio. A coordinare l’inchiesta, per naufragio e omicidio plurimo aggravato, è il Procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella. Per tutta la giornata di ieri gli investigatori della Squadra mobile di Agrigento hanno interrogato i superstiti.