Pascucci: “Il Governo faccia dei reali investimenti”

Sicurezza: cresce l’esigenza di sempre maggiori controlli nelle aree urbane della provincia

Pascucci: “Il Governo faccia dei reali investimenti”

Il Sindaco: “In attesa del via libera del Ministero che consentirà al nostro sistema di individuare eventuali auto rubate in transito sul territorio comunale”

 

di Alberto Sava

 

Alessio Pascucci affronta il tema della sicurezza sottolineando che in qualità di sindaco ha fatto la sua parte per garantirla al meglio possibile sul territorio comunale, ora tocca al governo centrale a cui si rivolge chiedendo reali investimenti. “Un altro impegno -dichiara il sindaco- che ci eravamo presi in campagna elettorale. Da più di un anno Cerveteri può contare su 20 telecamere già attive, posizionate agli ingressi di Cerveteri capoluogo e delle principali frazioni. Oltre a questo, abbiamo realizzato cinque sistemi di controllo targhe e assicurazioni. Siamo in attesa del via libera da parte del Ministero che consentirà al nostro sistema di individuare eventuali auto rubate in transito sul territorio comunale. Ovviamente -ha concluso Pascucci-continuiamo a lamentare il numero sempre più esiguo di agenti delle Forze dell’Ordine presente nel territorio, ai quali va il mio ringraziamento per il lavoro che quotidianamente svolgono”. Il tema della sicurezza è certamente al centro delle priorità dell’attuale amministrazione comunale. Infatti, è recentissima una dichiarazione del vice sindaco sul tema della sicurezza in ambito comunale presentando una vera e propria pianificazione in tutti i settori più delicati. Di seguito le recenti dichiarazione del vice sindaco in tema di sicurezza: “Telecamere di videosorveglianza nelle strade principali, nei luoghi pubblici più sensibili, come scuole, piazze, parchi pubblici; incremento dell’illuminazione pubblica, istituzione del vigile di quartiere. Obiettivo: maggiore sicurezza per i cittadini e le famiglie. Questa l’idea del progetto sviluppato dal vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Zito che ora attende un possibile finanziamento per essere trasportato dalla carta alla realtà. “Il controllo del territorio non passa solo attraverso la presenza fisica delle forze dell’ordine ma anche mediante un insieme di strumenti e di azioni che mirano al controllo del territorio nella sua complessità”, si legge nel progetto. “Il comune di Cerveteri ha avviato diverse iniziative in tal senso che necessitano di essere potenziate e messe a sistema. In questi anni sono state installate una serie di telecamere di videosorveglianza a fronte di esigenze specifiche partendo dagli edifici adibiti a uffici comunali e poi su alcuni plessi scolastici. Più recentemente  è stata realizzata una prima rete di videosorveglianza cittadina con l’obiettivo di controllare gli accessi al capoluogo e alle principali frazioni (Valcanneto e Cerenova). Successivamente sono state installate ulteriori due telecamere nei borghi di Sasso e Ceri. Infine è stata installata una telecamera per la sorveglianza del Parco Vannini. Nel frattempo sono state installate diverse telecamere per il controllo delle targhe.. Alle telecamere già installate sul territorio ne arriveranno altre come ad esempio sulla rotatoria di viale Campo di Mare, sul lungomare dei Navigatori Etruschi, a Largo Ceri, nella frazione di Valcanneto nella rotatoria via Pergolesi/via Scalatti/via Giordano, via de Casaletti, Largo Monteverdi. Per quanto riguarda il capoluogo ulteriori telecamere sono previste in via Fontana Morella, sulla strada provinciale 4 a Angolo via Settevene Palo. Telecamere di videosorveglianza in programma anche a Borgo San Martino, I Terzi, Due Casette. Non saranno esclusi dal progetto nemmeno i luoghi pubblici, come ad esempio le scuole e i parchi pubblici, ad oggi sprovviste di videosorveglianza, a eccezione della sede centrale del Giovanni Cena e di parco Vannini. Il progetto prevede anche la riapertura delle delegazioni di Cerenova e Valcanneto “in modo da poter svolgere un servizio di prossimità e mantenere un rapporto diretto con il territorio. In vista l’installazione di nuovi autovelox nelle strade urbane maggiormente percorse, come via Settevene Palo, via Fontana Morella, viale Campo di Mare, via Doganale (nei pressi degli ingressi alle frazioni), a Due Casette sulla Furbara Sasso, in via del Sasso. In programma anche l’incremento dei dispositivi per il controllo delle targhe”. Si tratta di una progettualità divenuta necessaria e che impegna forti investimenti sia a livello locale che nazionale in materia di sicurezza del territori comunali.