Il mare avanza verso gli stabilimenti

Alghe, rami secchi, addirittura la carcassa di un cinghiale trascinato dalla corrente. La mareggiata del fine settimana, che ha accompagnato l’ondata di maltempo che si è abbattuta sul litorale, non risparmia nemmeno le spiagge ladispolane. Numerose le alghe trascinate dalla corrente a riva che hanno trasformato le spiagge in piccole discariche. La furia del mare non ha risparmiato nemmeno gli stabilimenti balneari del lungomare Regina Elena, dove le strutture in legno sono state raggiunte dall’acqua salata, danneggiandole. Una situazione che si protrae purtroppo ormai da tempo. La furia del mare, ormai da qualche anno, purtroppo, sta facendo diminuire sempre di più la porzione di arenile a disposizione. A via Roma, le spiagge presenti tra le barriere frangiflutti, sono ormai quasi del tutto sparite, consentendo solo a poche decine di persone di rifugiarvisi durante le calde giornate estive per godere di un po’ di sole e brezza marina. La forte mareggiata dello scorso anno, aveva già causato, inoltre, diversi problemi agli stabilimenti balneari, non risparmiando nemmeno quelli del lungomare centrale, con le strutture in legno colpite dalla mareggiata. Proprio domenica, a parlare di erosione, dalle colonne del nostro giornale, era stato il sindaco di Ladispoli Alessandro Grando. Il primo cittadino aveva spiegato come l’amministrazione, una volta avuta conferma del finanziamento regionale, ha deciso di rimodulare il progetto anti erosione per andare a coprire una porzione molto più ampia di costa. Mentre infatti inizialmente il progetto prevedeva la realizzazione di barriere soffolte da Torre Flavia al Vaccina, ora, con il nuovo studio si potrà procedere alla realizzazione di una barriera, con materiali diversi, che arrivi fino al Sanguinara. Contemporaneamente, con la realizzazione di un sabbiodotto, che permetterà di prelevare la sabbia dai bacini dei due fossi che attraversano la città, il comune procederà anche al ripascimento delle spiagge, con l’originaria sabbia nera, che arriva proprio dai due fossi. Si tratta però di un progetto complesso per la cui realizzazione, purtroppo bisognerà attendere ancora. Le prime fasi operative, infatti, potrebbero vedere la luce solo nel 2021. Intanto, la furia del mare, nei giorni scorsi ha restituito anche la carcassa di un cinghiale, prontamente recuperata e smaltita dalle guardie ambientali, di concerto con la polizia locale e i veterinari della Asl subito giunti sul posto. Danni, causati probabilmente dal vento anche in centro città. A via Bordighera, nei pressi dell’ex bocciodromo, un palo della luce è caduto proprio tra due veicoli in sosta danneggiandoli. Per fortuna non si sono registrati feriti.

 

Mov.Civ. Ladispoli Città:

“Urge un tavolo tecnico”

“Dopo l’ondata di maltempo che ha colpito Ladispoli e tutto il litorale tirrenico, alcuni interventi – anche di emergenza – visto lo stato della nostra spiaggia, ci appaiono necessari e urgenti.  Per questo motivo, poiché non vogliamo passare per quello che non siamo, capaci solo di criticare, riteniamo che vada strutturato, nell’immediato, un programma di interventi. Il panorama, in questo momento, è devastante. Basta fare una passeggiata per accorgersene. L’entità delle mareggiate, infatti, complica di molto lo smaltimento dei rifiuti che si sono accumulati. Proponiamo di aprire un tavolo tecnico per affrontare la questione, e ridurre i danni per la città, anche in previsione di eventi futuri. Tra le cose che porteremo al tavolo di certo c’è anche la ridiscussione dei termini di chiusura dell’unico impianto di smaltimento, la Recin, che può ancora recitare un ruolo essenziale nel garantire lo svolgersi di tale attività. Un’azienda che, come abbiamo sottolineato nel mese di settembre, continua a vivere una fase di incertezza prima della delocalizzazione: sia di prospettiva che occupazionale. Ridiscutere una proroga per lo svolgimento delle attività siamo certi che potrebbe essere un essenziale supporto per gli interventi d’urgenza di cui la città necessità. Poiché spesso sentiamo dire – da parte della maggioranza che governa Ladispoli – che ci limitiamo a criticare alcune scelte, siamo certi che questa proposta possa raccogliere il consenso di tutti, vista soprattutto l’emergenza che sta interessando il territorio e che, purtroppo, non è cessata con le piogge dei giorni scorsi”.

Movimento Civico Ladispoli Città