Presentata la grande scoperta scientifica del Gruppo Astrofili Palidoro, l’Unione Astrofili Italiani, l’Osservatorio Astronomico Nastro verde e gli Astrofili Galileo Galilei

Non c’è “derby che tenga” per una conferenza che parla di una scoperta scientifica! Questa domenica era gremita la sala della Casa Della Partecipazione a Maccarese per un evento speciale che ha visto come protagonisti diverse associazioni di astrofili sparse per tutta l’Italia. Una conferenza sulla scoperta di un bellissimo sistema di stelle binario denominato GUNVAG1 che ha come autori il Gruppo Astrofili Palidoro, l’Unione Astrofili Italiani, l’Osservatorio Astronomico Nastro Verde e il Gruppo Astrofili Galileo Galilei. Una serata ricca di interventi, hanno partecipato il Vicesindaco Ezio di Genesio Pagliuca, la consigliera Paola Magionesi e l’assessore Segreteria del Sindaco e responsabile di Cultura e Turismo Luigi Giordano del Comune di Fiumicino. Il Vicesindaco ha sottolineato l’importanza e l’orgoglio di tutta l’Amministrazione per questo importante traguardo e inoltre ha elogiato il Gruppo Astrofili Palidoro per i numerosi e partecipati eventi sul territorio. Molto importate è stato anche l’intervento di Ernesto Marchetti in rappresentanza dell’Agenzia Spaziale Italiana che ha sottolineato l’importanza dell’esplorazione spaziale e della ricerca in genere. I relatori Paolo Zampolini, Giuseppe Conzo, Mara Moriconi e Giorgio Mazzacurati hanno raccontato la scoperta fatta, partendo da come è iniziato lo studio fino alla sua conclusione, spiegando in maniera accessibile a tutti un argomento complesso e non osservabile facilmente con i telescopi. Al termine della conferenza si è stabilito un collegamento audio su Siena con Giorgio Biancardi responsabile del Telescopio Remoto UAI (Unione Astrofili Italiani) e ricercatore presso l’Università di Siena. Egli si è complimentato con tutti i relatori presenti sottolineando che il lavoro svolto è stato molto complesso e di grande orgoglio per la comunità di Astrofili Italiani. Questo evento svoltosi a Maccarse ha messo in risalto non solo una bella scoperta, ma anche la sinergia e la collaborazione tra le varie associazioni che si è venuta a creare in maniera genuina e costruttiva ai fini del raggiungimento del risultato raggiunto. Nel futuro di questa scoperta si guarda alla pubblicazione del lavoro scientifico presso i database NASA fine al censimento del sistema scoperto GUNVAG1 su tutti i cataloghi stellari del mondo.