La solidarietà degli imprenditori di Ladispoli non si fa fermare dal Covid-19

0
87

 

Riceviamo e pubblichiamo – È un mese oggi da quel 21 febbraio in cui venne data notizia del primo contagiato da Coronavirus in Italia nella bassa lodigiana, che ha dato il via alla crisi che stiamo vivendo. Nonostante le restrizioni indispensabili per contrastare il contagio, non si ferma la raccolta di Ladispolinonspreca presso le attività commerciali e le produzioni agricole del territorio e la distribuzione delle eccedenze alimentari ai concittadini in disagio economico, nel rispetto delle precauzioni indicate dal Governo. L’Associazione di Promozione Sociale APS Litorale Nord vuole portare un sentito ringraziamento per la loro solidarietà ai generosi imprenditori, che continuano a donare  anche in questa situazione così difficile per loro come per tutti noi. Se per i cittadini è duro non muoversi da casa e limitare la loro sfera d’azione, è sicuramente arduo per le imprese, abbassate le saracinesche, far fronte ai tanti problemi quotidiani di natura economica e gestionale che comunque restano, con in più la preoccupazione di un futuro incerto. La situazione non è rosea nemmeno per i produttori agricoli del territorio. E nonostante tutto questo i nostri generosi imprenditori non dimenticano chi ha bisogno di aiuto e continuano a donare, per quanto possono.  La crisi attuale non è forse catastrofica quanto una guerra mondiale, ma i suoi effetti si stanno vedendo e crescono di giorno in giorno. Il nostro territorio tuttavia, come l’Italia intera, in questa pandemia sta scoprendo riserve di forza e di resilienza che probabilmente non ha mai pensato di avere, che i governi e gli amministratori possono agire e che le persone possono cambiare il loro comportamento in un tempo molto breve. Stiamo cambiando il nostro modo di vivere per contrastare la pandemia e stiamo riscoprendo, nel profondo, l’importanza di alcuni valori assoluti che negli ultimi decenni sembravano dimenticati: il senso di appartenenza alla comunità, la rivalutazione del proprio patrimonio naturale e culturale, il rispetto per l’ambiente e la necessità di curare i disastrosi effetti che sono derivati dalle regole dei sistemi economici e finanziari mondiali. Possiamo allora uscire da questo incubo con i primi fondamenti di un mondo migliore perché ora sappiamo, e per esperienza diretta, di poter cambiare se soltanto lo vogliamo. Perciò, in questo primo giorno di primavera, possiamo anche pensare che ce la faremo, che sapremo uscire da questa crisi economica e sociale con nuove idee, forze ed energie.
Un altro sentito ringraziamento dell’APS Litorale Nord va alla Croce Rossa – Comitato S. Severa e S. Marinella, che continua a impegnarsi anche per la redistribuzione dei pacchi alle famiglie e alla collaborazione di Caritas Diocesi Porto S. Rufina per il prezioso contributo di entrambi gli enti alle operazioni, che non si ferma neanche davanti al Covid19.

Marina Melissari

Responsabile Coordinamento APS Litorale Nord

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here