Il Sindaco attaccato da più parti

0
53

Lettera di un cittadino di Ladispoli sul bonus alimentare del Governo e sulle parole del sindaco Grando post conferenza Conte

“Il sindaco renda più opportunamente

noti i termini per richiedere questi soldi”

 

Gentile Redazione, sono un cittadino di Ladispoli e mi riferisco alle dichiarazioni del Sindaco Grando riguardo i bonus spesa erogati da Stato e Regioni per l’emergenza alimentare, purtroppo diretta conseguenza di quella epidemiologica. Le testate locali danno oggi notizia che i partiti dell’opposizione cittadina si sono già attivati per informare la popolazione della città che gli allarmi lanciati sul sito istituzionale sono privi di fondamento. Grando, cioè, citerebbe una fantomatica cifra di 80 mila euro da distribuire a tutti per comprare biglietti del gratta e vinci, senza aspettare neanche qualche ora per documentarsi. Oggi i numeri che circolano sui siti come il vostro parlano di 490 mila euro che immagino vadano distribuiti alle persone bisognose, non certo per giocare alla lotteria, ma per acquistare beni di prima necessità. Il primo cittadino di una delle più importanti città del Lazio quindi, invece di stemperare la logica tensione che vivono le persone che anche nel nostro Comune aspettano questi aiuti, fa polemica politica gratuita e usa una dialettica a dir poco discutibile. Nel contempo lancia un’iniziativa di solidarietà per giovedì 2 aprile in stile “spesa sospesa”, lodevole ma a dir poco tardiva e parziale. Forse i soldi del Governo arriveranno prima. Così, mentre stamattina di rassicurare gli indigenti sul sito del Comune con i dati veri ancora non se ne parla, sull’informazione locale come la vostra si loda la fondamentale iniziativa delle donazioni di cibo per animali domestici alle persone vulnerabili di Ladispoli. Per quanto anch’essa lodevole, paragonata alle emergenze di cui si dovrebbe occupare un sindaco farebbe sorridere, se non fosse così grave la situazione generale. Farebbe addirittura ridere, se si considera che l’intento è quello di contenere il fenomeno dell’abbandono dei nostri amici a quattro zampe, che come si sa è legato piuttosto al timore che essi trasmettano il virus. Non certo alla mancanza di cibo per cani. Approfitto pertanto del vostro organo di informazione per lanciare un appello al Sindaco Grando, affinché tra la solidarietà ai comuni gemellati e la diffusione di una notizia già appresa al telegiornale, renda più opportunamente noti i termini per richiedere questi soldi. E soprattutto sovrintenda il censimento delle famiglie effettivamente destinatarie dei fondi, che attendono con ansia crescente.

Lettera firmata

 

 

 

M5s Ladispoli contro il “signor G”:

“Ha iniziato a latrare contro il Governo”

 

Ieri il Governo Conte, come misura straordinaria in questa situazione di emergenza, ha stanziato 400 milioni di euro per alleviare la disperazione dei cittadini privi di altre forme di reddito. Lo ha fatto con un Decreto studiato in accordo con l’Associazione Nazionale dei Comuni italiani, organo di rappresentanza di tutti i sindaci d’Italia. Il finanziamento per equità sociale verrà suddiviso tra i 7904 comuni italiani in base alla popolazione residente ed al reddito medio dei cittadini. Quindi arriveranno più soldi ai comuni in cui ci sono cittadini più bisognosi. La distribuzione dei fondi viene affidata direttamente ai sindaci nella convinzione, forse ottimistica, che siano le persone che meglio di tutti abbiano conoscenza del territorio che amministrano e che, per la gravità del momento che stiamo vivendo, siano capaci di un’azione misurata, responsabile e rispettosa dei principi di prossimità e sussidiarietà. Qui dobbiamo fare la nostra critica all’azione di governo, perché nella nostra Italia ci sono comuni amministrati da persone valide e competenti, noi purtroppo abbiamo il sig.G . Probabilmente per ordine di scuderia, ieri il sig.G e compagnia cantante, non avendo fatto alcunché di rilevante in questi giorni, hanno iniziato a latrare in sincronia con i loro referenti nazionali. In modo osceno, visto il momento, e fuorviante perché dal post del sig.G sembrerebbe che il fondo destinato al nostro comune debba essere distribuito a tutti e non solo riservato unicamente ai cittadini privi di reddito. Che venga affidato direttamente a chi, teoricamente, ha la conoscenza del territorio piuttosto che agli uffici centrali, dovrebbe consentire di evitare che questi pochi aiuti vadano ai soliti evasori, elusori e finti nulla tenenti, personaggi che lei caro sig.G, come qualsiasi altro primo cittadino, dovrebbe ormai conoscere tutti, come quel suo ex assessore che girava in Ferrari pur dichiarando reddito di povertà. Questi 80000 euro che arriveranno a Ladispoli sono pensati per garantire qualche giorno di respiro a chi da questa pandemia è rimasto senza reddito, prima che la disperazione porti qualcuno a fare azioni irragionevoli.

Movimento Cinques Stelle Ladispoli

 

 

 

Animaverde Ladispoli:

“Uscita incomprensibile di Grando”

 

“È stato scelto il silenzio. Perché in certi momenti, invece di parlare, c’è bisogno di “fare”, in silenzio, per non perdere la concentrazione. Per questo non si comprende l’alzata di testa del sig. Sindaco di ieri sera. Gettare, anche solo “per provocazione”, fango su quello che il Governo sta facendo (e qui chiaramente ognuno può democraticamente pensare ciò che vuole), adesso non è utile a nessuno. Quello che sta emergendo è tanta rabbia, stanchezza di cittadini lasciati soli. Qualcuno sta anche lodando il lavoro nero e l’evasione fiscale. Chi se ne deve occupare? Chi deve guidare la Città? Rompiamo il silenzio per tracciare una rotta, non per affondare! Diamo fiducia alle associazioni, agli imprenditori, ai semplici cittadini. Tendiamo le nostre mani. Non potremo toccarci ma a volte basta un piccolo gesto per smuovere il mondo. Tracciamo la rotta, uniti dal buon senso, senza polemiche.

ANIMAVERDE LADISPOLI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here