Coronavirus, in Iran non ci saranno funzioni religiose di massa per il Ramadan che inizierà il 23 aprile

A causa dell’epidemia di coronavirus, in Iran non ci saranno funzioni religiose di massa nelle moschee in occasione del mese sacro del Ramadan, che inizierà il 23 aprile. Lo ha detto il presidente Hassan Rohani, confermando quanto preannunciato nei giorni scorsi dalla Guida suprema Ali Khamenei. Rohani ha spiegato che la popolazione potrà osservare i riti attraverso i social media e la televisione di Stato. Parlando in videoconferenza durante un meeting sulla crisi, Rohani ha aggiunto che non ci saranno più limitazioni agli spostamenti all’interno del paese a partire da sabato. Lo stesso giorno potranno riaprire le attività economiche “a basso rischio” anche a Teheran, dopo lo sblocco già avvenuto ieri in altre aree del paese. Oggi il numero dei contagi in Iran è arrivato a 71.686 (oltre 1.600 in più in 24 ore). I morti sono saliti a 4.474 (117 in più).