Coronavirus, la situazione in Italia il 15 aprile: decessi in calo (578) per un totale di 21.645, i contagi (305 meno di ieri) sono 105.418

Salgono a 21.645 i morti in Italia dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Secondo i dati forniti dalla Protezione Civile nelle ultime 24 ore hanno perso la vita altre 578 persone. I casi attualmente positivi sono 105.418, con un aumento di 1.127 unità rispetto a ieri. Calano però le persone ricoverate con sintomi (368 in meno rispetto a ieri per un totale di 27.643) e quelle in terapia intensiva (-107 per un totale di 3.079). In isolamento domiciliare si trovano 74.696 persone. I guariti sono in tutto 38.092, di cui 962 nelle ultime 24 ore. I casi totali dall’inizio dell’emergenza sono 165.155. In tutto, sono stati eseguiti 1.117.404 tamponi. Ancora in calo i nuovi ricoveri in Lombardia. In terapia intensiva si liberano 48 posti letto da ieri, per un totale di 1.074 occupati. Anche i ricoveri meno gravi in ospedale di pazienti covid19 scendono di 34 unità. I dimessi da ieri a oggi sono 34. Sempre alto il numero dei morti: nelle ultime 24 ore sono 235, che portano il totale a 11.377 morti. Il numero totale dei positivi aumenta di 827 pazienti, per un totale di 62.153 casi accertati. Nelle ultime 24 ore, secondi i dati di Regione Lombardia, sono stati processati 6.828 tamponi, in aumento rispetto agli ultimi due giorni. Il dato è inferiore a quello dei giorni scorsi. I prefetti accelerino le istruttorie sulle richieste di autorizzazione a proseguire l’attività presentate dalle aziende. Lo indica una circolare inviata ai prefetti dal capo di Gabinetto del ministero, Matteo Piantedosi, in seguito all’entrata in vigore del decreto Conte del 10 aprile scorso che contiene misure per il contenimento della diffusione del Coronavirus fino al 3 maggio.