Roma, avvocati protestano in piazza Cavour per l’inerzia del governo

avvocati a roma
Avvocati in piazza questa mattina a Roma per i ‘funerali’ della giustizia, la protesta promossa dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma contro “l’inerzia del governo”. In piazza Cavour, davanti alla Corte di Cassazione, circa 300 persone di fronte alla scalinata d’ingresso. “Si è spenta la giustizia”, “Non ti posso difendere”: sono questi alcuni tra gli striscioni e cartelli mostrati dagli avvocati. In piazza anche la riproduzione di una bara con i simboli della giustizia. “La giustizia si è spenta e la colpa è del governo per la sua mancanza di attenzione verso questo settore che resta una cenerentola tra le amministrazioni in ripartenza” commenta  Antonino Galletti, presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma, nel corso della manifestazione. “La giustizia vede troppo tempo per la celebrazione dei processi – continua Galletti – le udienze vengono rinviate di mesi, se non di anni, e le risorse non sono adeguate: nel solo Tribunale di Roma, su 1200 unità di personale ne mancano 400. Non si può pensare al lavoro agile in queste condizioni, bisogna mettere mano al portafoglio e acquisire risorse per soddisfare le esigenze di giustizia dei cittadini perché i diritti e le libertà non vanno in quarantena”. La ripartenza delle udienze dell’1 luglio rischia di rivelarsi una “falsa partenza”. “L’1 luglio tutti aspettano la ripartenza, ma parte delle udienze è già stata rinviata – conclude Galletti -. Noi siamo disponibili a ripartire, ma chiediamo di poter essere messi in condizione di poterlo fare. Siamo disponibili al confronto con il governo, anche eventualmente a lavorare nel periodo estivo, ma purtroppo con il rinvio delle udienze anche questo rischia di essere inutile. Di fatto già c’è una paralisi della giustizia italiana, basta chiedere a chiunque aveva un’udienza da marzo fino a oggi a quando è stata rinviata. Non sono dati che ci inventiamo, ma i nostri studi legali sono presidi di legalità sul territorio, sono i luoghi dove i cittadini sfogano il loro malcontento contro un sistema che non funziona”. “Attualmente viene rinviato circa l’85 per cento delle cause, ne vengono trattate il 10-15 per cento al massimo. Vuol dire che tutti i diritti lesi restano bloccati. C’è il rischio che alla ripresa tutte le udienze fissate per luglio con modalità alternative vengano rinviate: è un problema serio che va assolutamente risolto altrimenti la ripresa di luglio produrrà ulteriori aggravamenti e rinvii” sottolinea Giovanni Malinconico, coordinatore dell’Organismo congressuale forense.”Il problema serio non è solo per questo mese – continua Malinconico -: si utilizzi il periodo estivo, quando cioè il virus ha allentato i suoi effetti, per mettere davvero in sicurezza o tribunali. Se perdiamo questa occasione, il rischio è che a settembre la giustizia sia definitivamente morta e per noi avvocati è totalmente inaccettabile”. “C’è bisogno che attorno alla giustizia si crei un piano straordinario di risorse e di attenzione – conclude -. La giustizia è funzione primaria dello Stato invece è il fanalino di coda delle amministrazioni pubbliche. I tribunali italiani sono in gran parte in condizioni di inagibilità, avevamo chiesto risorse già prima dell’emergenza perché sono i luoghi in cui lo Stato fa vedere la sua capacità di mantenere la legalità. La pandemia ha fatto capire quanto questo problema sia importante”.