Covid, parla Walter Ricciardi: “Il virus è lo stesso che in questo momento fa morti a grappoli in altri paesi, non è assolutamente diventato più buono. E’ la carica virale che si è ridotta”

walter ricciardi
“Il virus è lo stesso che in questo momento fa morti a grappoli in altri paesi, non è assolutamente diventato più buono. E’ la carica virale che si è ridotta”. Così ad Agorà su Rai3 Walter Ricciardi, ordinario di Igiene all’università Cattolica di Roma e consigliere del ministero della Salute. “In Italia in questo momento il virus, che è lo stesso cattivo come sempre, è più isolato e rallentato e quindi fa meno male. Probabilmente questo è dovuto anche alle misure che abbiamo preso, in primis il distanziamento fisico”, spiega Ricciardi, che si sofferma anche sulle diverse interpretazioni fornite dagli esperti italiani sulla forza del virus. “I colleghi sulla base della loro osservazione dicono: noi stiamo vedendo pazienti che hanno una carica virale minore. Ma è sbagliato -sostiene Ricciardi- trarre delle considerazioni generali da queste valutazioni, relative a una casistica molto spesso limitata, quando in questo momento lo stesso e identico virus provoca migliaia di morti e in alcuni paesi non hanno nemmeno più le fosse per seppellirlo. Questo disorienta l’opionione pubblica e fa abbassare la guardia, mentre invece va tenuta alzata”. Ricciardi ricorda che “in questo momento Lisbona è chiusa e in Germania da un singolo macello hanno avuto più di mille casi. Sono bravissimi colleghi e hanno ragione nello specifico. Di fatto abbiamo ragione tutti, ma nel comunicare all’opinione pubblica è un’altra cosa”