Autostrade, parla Andrea Orlando: “Non c’è una mia dichiarazione negli ultimi due anni, neppure quando il Pd era l’opposizione, che sia pregiudizialmente contro la revoca, l’ho sempre ritenuta una via possibile e comunque un’arma di contrattazione”

L'esponente del Pd, Andrea Orlando
“Non c’è una mia dichiarazione negli ultimi due anni, neppure quando il Pd era l’opposizione, che sia pregiudizialmente contro la revoca, l’ho sempre ritenuta una via possibile e comunque un’arma di contrattazione. Ho sempre ritenuto, invece, insopportabile il vezzo di evocarla senza procedere con atti conseguenti, declinazione attuale di quello che un tempo veniva definito ‘massimalismo parolaio’”. Lo scrive il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, su Facebook. “Ho sempre considerato il modo in cui sono state fatte le privatizzazioni in Italia assai discutibile e questo in particolare nell’ambito delle concessioni. Gli interventi fatti in questo settore dalla destra hanno nel corso degli anni sacrificato ulteriormente l’interesse pubblico a favore dei concessionari. L’ho sostenuto ben prima della tragedia del ponte Morandi. Oggi inopinatamente,e senza alcun riscontro, un giornale mi ascrive, con una prima pagina di dubbio gusto, ma soprattutto priva di alcun fondamento, tra gli ‘amici’ dei Benetton”.