Allarme di Confcommercio: nel secondo trimestre del 2020 il Pil italiano crollerà del 18 per cento

Nuovi preoccupanti dai della Confcommercio sul Pil italiano
Confcommercio stima che nel secondo trimestre dell’anno il Pil si sia ridotto del 18% rispetto al trimestre precedente e del 22,5% nel confronto annuo. Quanto ai consumi, a giugno è proseguito, in linea con il progressivo ritorno alla normalità, il recupero della domanda. L’indicatore dei consumi di Confcommercio registra, nel confronto annuo, un calo del 15,2%. Nel complesso del secondo trimestre la riduzione è stata, nel confronto con lo stesso periodo del 2019, del 29,7%, valore che si attesta al 54,5% per la domanda di servizi.