Hiroshima, l’inferno si ‘accese’ sulla città: l’orrore del primo bombardamento atomico della storia

Il primo bombardamento atomico della storia su Hiroshima il 6 agosto del 1945
Il 6 agosto 1945, alle 8.15 del mattino, il bombardiere quadrimotore Boeing B-29 Superfortress “Enola Gay” sganciò su Hiroshima “Little Boy”, la prima bomba atomica a uso bellico, cogliendo di sorpresa la città, importante centro navale e militare. Lo spostamento d’aria di eccezionale potenza rase al suolo case e edifici nel raggio di circa 2 chilometri. Ai gravissimi effetti termici e radioattivi immediati (80.000 morti e quasi 40.000 feriti, più 13.000 dispersi) si aggiunsero negli anni successivi gli effetti delle radiazioni, che portarono le vittime a quota 292mila secondo le ultime stime. Il nuovo e spaventoso ordigno era stato sperimentato dagli Usa nel deserto del New Mexico il 17 luglio 1945. Dopo gli eventi di Hiroshima e Nagasaki, l’immagine del “fungo atomico” entrò nell’immaginario collettivo come simbolo di una minaccia mai conosciuta prima dall’uomo: la distruzione totale della vita sulla terra, di cui sono testimoni gli ‘hibakusha’, i sopravvissuti della bomba, circa 192 mila persone, con età media di 79 anni. Tutto si illumina di centinaia di lanterne di carta colorate adagiate sul letto del fiume Motoyasu, di fronte al monumento della pace, l’ex cupola della prefettura, l’unico edificio sopravvissuto alla bomba, rimasto intatto da allora.