Alghe a Santa Severa, una strana coincidenza

Barriera di alghe alla spiaggia libera del Castello di Santa Severa: il sindaco di Santa Marinella Pietro Tidei vuole vederci chiaro. Nel frattempo però ha già dato mandato agli uffici comunali affinché venga incaricata una ditta del settore che provveda alla immediata rimozione e smaltimento in un sito autorizzato di tutto il materiale che sta impedendo la balneazione in uno degli arenili più frequentati del litorale comprensoriale. “Siamo consapevoli del fatto che le improvvise e violente mareggiate che si stanno susseguendo in questa anomala stagione estiva, possano aver causato qualche problematica e trascinato a riva alghe e detriti, ma il quantitativo che si è venuto a creare, proprio in questo tratto di costa è apparso davvero eccessivo. Sembra quasi che le alghe che erano sulla battigia delle spiagge attigue si siano accumulate volutamente di fronte alla spiaggia libera gestita dal Comune. Per questo motivo presenterò una denuncia alla Procura delle Repubblica di Civitavecchia, chiedendo che venga avviata una indagine che stabilisca quanto sia realmente accaduto e appuri le eventuali responsabilità in merito. In ogni caso- conclude il sindaco Tidei- a prescindere dall’indiscutibile disagio che si è venuto a creare e che ripeto provvederemo ad eliminare nel minor tempo possibile, vorrei ricordare che, una presenza così alta di alga poseidonia sta a significare che le nostre acque marine sono particolarmente pulite e balneabili”.