Sanremo, parla Amadeus: “Vogliamo essere positivi e pensare che a marzo si possa tornare alla normalità e che l’edizione 2021 sarà la prima post Covid”

Il conduttore televisivo Amadeus
“E’ un po’ presto per dire come sarà Sanremo. Sono state rese note le date, dal 2 al 6 marzo, un mese dopo rispetto all’anno scorso”. Così Amadeus arrivando a Dogliani (Cuneo) per il Festival della tv e dei nuovi media. “Vogliamo essere positivi e pensare che a marzo si possa tornare alla normalità e che l’edizione 2021 di Sanremo sarà la prima post Covid”.
“La priorità ora è la musica, sia per i giovani sia per i big. Stanno arrivando i pezzi dal primo settembre”. “Tutta la prima parte fino a novembre è incentrata sulla musica. Avremo il piacere di ascoltare centinaia e centinaia di pezzi”, ha aggiunto il direttore artistico e conduttore del festival. “Il Covid lascia alla tv la capacità di adattarsi. Senza il pubblico stiamo facendo una tv che non avremmo mai immaginato di fare, neanche a febbraio quando abbiamo fatto Sanremo nella totale normalità. Venti giorni dopo ho fatto i ‘Soliti ignoti’ senza pubblico e con la distanza tra i concorrenti e gli ignoti. Ora non vediamo l’ora di tornare alla normalità”, ha concluso Amadeus.