Circeo, lo stupro della ragazza romana, parla il sindaco Giuseppe Schiboni: “Mi spiace che la mia città venga accostata nuovamente a un caso grave e negativo”

Una terapia intensiva Covid
“Mi dispiace che San Felice Circeo venga accostata nuovamente a un caso grave e negativo. Durante il periodo di Ferragosto noi abbiamo fatto il possibile per garantire la sicurezza e sulle spiagge c’era il divieto di falò. Riguardo il presunto stupro non so niente di più, mi baso su ciò che leggo sui mezzi di informazione, anche perché è una vicenda molto delicata e c’è il massimo riserbo da parte di chi indaga. So che tutti i ragazzi coinvolti non sono di qui ma di Roma e che la denuncia è stata fatta nella Capitale. Adesso è la procura di Latina a occuparsene e probabilmente si saprà qualcosa di più nei prossimi giorni”. A dirlo è il sindaco di San Felice Circeo Giuseppe Schiboni commentando il caso dello stupro denunciato da una ragazza nei confronti di due ragazzi dopo una festa in spiaggia a Ferragosto. I due al momento sono indagati e saranno interrogati dalla procura di Latina.