Dietrofront alla Giovanni Cena: via le tende, si fa lezione in palestra

Le opposizioni attaccano la maggioranza sulla gestione complessiva della vicenda

Dopo gli incontri dell’ultima ora con amministrazione e genitori si è abbandonata l’idea delle tensostrutture, si è ipotizzato di utilizzare la palestra e alla fine nel tardo pomeriggio di domenica la dirigenza scolastica ha deciso per il primo giorno di scuola (cioè ieri), di far entrare tutti gli alunni nelle classi, ma così non potrà essere rispettata la distanza di sicurezza e dunque alunni ed insegnanti dovranno indossare la mascherina per tutto l’orario scolastico… “Hanno avuto 6 mesi di tempo e non sono stati capaci di trovare una soluzione! E nel frattempo il Sindaco ci raccontava che avevamo 2/3 plessi perfettamente funzionanti che avremmo potuto mettere a disposizione di altri comuni. Come sempre solo tante bugie e proclami da venditore di pentole. Quel che è certo è che ora dovranno trovare una soluzione seria per questi alunni!” Così Luca Piergentili, Maurizio Falconi e Anna Lisa Belardinelli.

Sulla stessa linea d’onda Aldo De Angelis e Salvatore Orsomando che interrogano urgentemente il Sindaco e l’Amministrazione perché molto preoccupati dal fatto che lo stesso Pascucci si è accorto nella prima settimana di settembre 2020 e dopo mesi di difficoltà, della delicata situazione scolastica. “Infatti dopo le preoccupanti esternazioni apparse online venerdì 11 Settembre riportanti che le scuole di Cerveteri sono un disastro su tutti i fronti, dall’aspetto edilizio e di sicurezza e dopo essere stati informati di lavori tutt’ora in corso, tensostrutture di fortuna, abbonamenti per il trasporto alle stelle e spostamenti di alunni senza una concreta programmazione, chiedono di fare luce immediatamente su questa incresciosa quanto imbarazzante vicenda. Siamo sempre più convinti della vostra incapacità governativa. Dimettetevi!” Sono le parole dei consiglieri d’opposizione Salvatore Orsomando e Aldo De Angelis.