Governo, l’avvertimento di Nicola Zingaretti: “Se la bicicletta si ferma si cade…”

Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti
“Con Iv, Leu e M5s abbiamo scelto di governare insieme finché ci sono cose da fare, e ne abbiamo fatte tante. Si va avanti se il governo fa delle cose. Se si ferma, la bicicletta cade”. Lo ha detto Nicola Zingaretti a Mattino 5. Sul Mes, continua il numero uno dem, le “perplessità che si avevano nel M5S erano legate a una forma di finanziamento che non esiste più. Oggi è molto conveniente, su un tema che serve all’Italia come la Sanità. Conte ha finalmente detto che ne discuteremo nelle aule parlamentari per trovare una soluzione”. E sul referendum, “il Pd da sempre è per la riduzione dei parlamentari, ha ritenuto giusto accompagnarla con una modifica delle regole una nuova legge elettorale. Il processo di riforme si era bloccato, ora è ripartito”. “Bisogna andare avanti, sono 40 anni che se ne discute. Non è in pericolo la democrazia, odio l’antipolitica e non condivido chi dice di tagliare per i costi, è un tema di funzionalità”, ha aggiunto il segretario del Pd. L’esito del voto in Toscana mette a rischio la segreteria del Pd? “Il tema non quello. Ma il fatto che se si perde la Toscana sarà governata peggio. Il modo migliore di esercitare una leadership- spiega Zingaretti – è pensare agli italiani, poi si giudica”.