Scuola: riapertura e distanziamentoi nodi del Cena in attesa di soluzione

Il consigliere di Fratelli d’Italia ha chiesto i tempi durante la massima assise cittadina al Granarone

 

Il plesso chiuso per un improvviso guasto idrico alle condutture. Il consigliere comunale Annalisa Belardinelli (FdI) ha chiesto i tempi di riapertura durante la massima assise cittadina di giovedì scorso e sembra che bisognerà aspettare 48 ore per capire quando il Giovanni Cena potrà riaprire i battenti. E’ quanto avrebbe detto il sindaco Alessio Pascucci rispondendo alla domanda specifica del consigliere di Fratelli d’Italia. Annalisa Belardinelli durante il consiglio al Granarone. “Sul problema del plesso centrale del Giovanni Cena – ha spiegato Belardinelli – in particolare sui tempi della sua riapertura, vista l’ennesima tegola della rottura di una conduttura idrica, il Sindaco in consiglio comunale, a mia domanda specifica, ha risposto che per quantificare i tempi necessari per i lavori dobbiamo attendere le prossime 48 ore”. “Ci auguriamo – ha proseguito Annalisa Belardinelli – che mercoledì prossimo la scuola possa essere riaperta, ma resta da risolvere la grande problematica del distanziamento degli alunni, perché è chiaro che questi studenti non possono continuare a seguire le lezioni con le mascherine”. Ricordiamo che i genitori di 45 alunni di due classi “pollaio” delle seconde media, sezione A e B, della G. Cena non stanno mandando i figli a scuola. “Questi studenti – hanno dichiarato i genitori- resteranno a casa fino a che il Sindaco non garantirà il dovuto rispetto delle regole nazionali del distanziamento in aula per il Covid”.