Nel vivo la raccolta delle olive ceretane

I frantoi girano a tutto regime in anticipo rispetto allo scorso anno, dovuto al tempo,

 

Dai conferimenti dei loro carichi di agricoltori e appassionati attendono meno resa e più qualità

 

Nel vivo la raccolta e produzione di olio nel territorio. Milozzi Cia Roma: “Meno produzione ma più qualità. Riconosciamo il lavoro dei produttori nel prezzo dell’olio”. E’ tempo di raccolta di olive nella provincia di Roma, dai Castelli Romani a Cerveteri. Agricoltori e appassionati in anticipo rispetto allo scorso anno, dovuto al tempo, sono al lavoro per portare nei frantoi carichi di olive. Di certo quest’anno la resa sarà più bassa, ma non la qualità, come ha detto il presidente di Cia Roma Riccardo Milozzi. “La raccolta delle olive arriva in anticipo rispetto al solito a causa delle alte temperature e dopo che l’emergenza coronavirus ha sconvolto produzione e mercati – ha raccontato Milozzi – nella provincia di Roma, per quanto riguarda l olio extravergine sarà di grande qualità, ma in flessione la produzione. Bisogna premiare la filiera agricola e rispettare quei produttori che si impegnano a fornirci qualità e bontà. Quindi – continua Milozzi – riconosciamo il lavoro e i sacrifici nel prezzo dell’olio che è un fiore all’occhiello dei nostri territori. Si è vero che rispetto allo scoro anno c’è un calo seppur leggero nella produzione, però sarà una qualità molta alta”.