Nuova Acropoli con Affinati ed il nipote di Falcone ci parlano di Eroe Quotidiano

Proseguono gli appuntamenti on-line promossi da Nuova Acropoli per celebrare la Giornata Mondiale della Filosofia indetta dall’UNESCO. Dopo la presentazione del libro “L’Eroe Quotidiano. Riflessioni di un filosofo” è ora la volta della conferenza “L’Eroe Quotidiano. Perché non servono i superpoteri per esserlo”, che sarà trasmessa in diretta sul canale YouTube di Nuova Acropoli questo giovedì, 26 novembre, alle ore 19. In un momento storico in cui stiamo perdendo valori e punti di riferimento, che un tempo ispiravano l’essere umano nel superare le difficoltà e nel vivere meglio, non c’è tema migliore su cui riflettere che quello dell’“Eroe Quotidiano”. Infatti, la Filosofia Attiva che Nuova Acropoli promuove insegna che esiste un piccolo eroe in ognuno di noi, un eroe che si manifesta solo quando diventiamo protagonisti della nostra vita, quando diamo valore ai piccoli gesti quotidiani e quando ci impegniamo per migliorare noi stessi e il mondo. Sembra un’impresa impossibile? Le esperienze che ascolteremo sono esempi di quotidiana eroicità, persone che come noi si svegliano ogni giorno e affrontano la loro dose quotidiana di imprevisti, vittorie, delusioni, soddisfazioni… Ma alla fine hanno compiuto qualcosa di buono, di bello e di giusto, rendendo il mondo un po’ migliore di come lo hanno trovato. Non abbiamo mai avuto così tanto bisogno di sentirci uniti, di sentirci parte dell’umanità, di sapere che altri hanno vinto i nostri stessi problemi, hanno superato le nostre stesse paure. Perciò, non servono dei superpoteri per essere degli eroi e migliorare il mondo: è sufficiente che ognuno di noi faccia la sua piccola parte, e così sarà possibile generare un enorme cambiamento. Perciò lasciamoci ispirare dai racconti e dalle parole dei relatori che interverranno: il Prof. Eraldo Affinati scrittore, insegnante e fondatore della scuola “Penny Wirton”; il Dott. Vincenzo di Fresco, socio fondatore della Fondazione Giovanni Falcone e nipote del celebre magistrato; concluderà la dott.ssa Roberta Cannone, Presidente di Nuova Acropoli Roma.