Istat e Iss: nel periodo febbraio-novembre 2020 si stimano circa 84 mila morti in più rispetto alla media del 2015-2019

La sede dell'Istat a Roma
Nel periodo febbraio-novembre 2020 si stimano circa 84 mila morti in più rispetto alla media del 2015-2019. Lo annuncia l’Istat in un Rapporto prodotto congiuntamente con l’Iss. I decessi di persone positive al Covid-19 sono 57.647 (il 69% dell’eccesso totale). Il direttore scientifico dello Spallanzani, Ippolito, chiarisce che “nonostante la vaccinazione, il virus ci terrà compagnia fino al primo trimestre 2022”. Allarme del Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc): le varianti del virus sono segnalate in 26 Paesi, 13 dei quali europei. Cresce così il rischio di un aumento dei casi in Europa.
Istat, in seconda ondata boom morti in VdA e Piemonte
In molte regioni del Nord l”eccesso di mortalità’ ha avuto un impatto maggiore nella seconda ondata rispetto alla prima ondata di marzo-aprile.Lo rivela l’Istat nel rapporto sull’incidenza del Covid nella mortalità in Italia. Le regioni più colpite sono Valle d’Aosta (+139% contro il +71% di aprile), Piemonte (+98% contro il +77% di aprile), Veneto (+42,8% rispetto al +30,8% di aprile) e Friuli-Venezia Giulia (+46,9% vs +21,1%). L’incremento dei decessi di novembre è più basso della prima ondata solo in Lombardia (+66% a novembre rispetto al +192% di marzo e il +118% di aprile) e in Emilia-Romagna (+34,5% rispetto al +69% di marzo)
Morti per virus incidono per il 9,5%
“Da fine febbraio a novembre i decessi Covid-19 rappresentano il 9,5% del totale dei decessi del periodo”. Lo rivela l’Istat nel suo rapporto sull’incidenza del Covid nella mortalità in Italia. “Durante la prima ondata epidemica (febbraio-maggio) questa quota è stata del 13% – si legge -, mentre nella seconda ondata il contributo complessivo dei decessi Covid-19 è passato al 16% a livello nazionale. Se si considerano i contributi per fasce di età la mortalità per Covid-19 ha “contribuito al 4% della mortalità generale nella classe 0-49 anni, all’8% nella classe 50-64 anni, all’11% nella classe 65-79 anni e all’8% negli over 80”.
Decessi mensili under 50 sotto la media
“Per quanto riguarda la classe di età 0-49 anni, per quasi tutto il periodo considerato (da gennaio a novembre, ndr) i decessi mensili del 2020 sono inferiori a quelli medi del 2015-2019, ad eccezione del dato di marzo e di novembre riferito agli uomini residenti al Nord, per cui si osserva un incremento rispettivamente dell’11% e del 4,9%”. Lo scrive l’Istat nel suo rapporto sull’incidenza del Covid nella mortalità in Italia. Il dato “si può spiegare considerando sia la minore letalità dell’epidemia al di sotto dei cinquanta anni, sia la riduzione della mortalità” per effetto del blocco della mobilità e di molte attività produttive.