Coronavirus, l’annuncio del ministro Speranza: “In Italia oltre 800mila vaccinati, primi in Europa”

I vaccini anti Covid
Il ministro sulle ulteriori misure adottate per fronteggiare il Covid 19: “Siglate opzioni per circa 226 milioni di dosi, che nelle prossime settimane aumenteranno ulteriormente sino a giungere a 250 milioni”. “A ieri abbiamo somministrato circa 800mila dosi di vaccino. Un buon risultato. Attualmente siamo la nazione d’Europa che ha somministrato il maggior numero di vaccinazioni. Non rincorriamo classifiche ma siamo soddisfatti di essere i primi in Ue”. Lo ha sottolineato il ministro della Salute Roberto Speranza, nella comunicazione alla Camera sulle ulteriori misure per fronteggiare l’emergenza da Covid-19. “Tutto quello che si poteva e doveva fare per approvvigionarsi del vaccino è stato fatto con attenzione e per tempo, muovendoci sempre guidati dal principio di massima precauzione – ha aggiunto – Adesso non possiamo fare altro che continuare ad utilizzare presto e bene le dosi di cui disponiamo, attendere con fiducia le autorizzazioni di nuovi vaccini e continuare a curare ogni più piccolo dettaglio per essere pronti ad accelerare quando avremo molte più dosi a disposizione. Tutti noi in Italia e in Europa siamo ragionevolmente fiduciosi che questo aumento delle dosi disponibili avverrà in tempi non lunghi. La ricerca scientifica in questi mesi ha compiuto un lavoro straordinario, senza precedenti nella storia mondiale. Questo lavoro continua e darà certamente altri risultati”. Poi l’appello del ministro della Salute: “Unità, unità, unità sulla campagna di vaccinazione nazionale. Il pieno successo di questa campagna non è il successo di una parte politica, è il successo del nostro Paese. Ecco perché non dobbiamo alimentare polemiche autolesioniste, anche per il prestigio della nostra Italia. Siamo un Paese attrezzato e organizzato per poter vincere questa sfida”. “L’Italia – ha aggiunto – è un grande Paese, assolutamente in grado di garantire un numero di vaccinazioni adeguate al nostro fabbisogno. Per raggiungere questo obiettivo serve una puntuale organizzazione, un esercito di vaccinatori e soprattutto il clima giusto. Ecco perché insisto e rinnovo ancora l’appello: lasciamo fuori dalla quotidiana polemica politica la campagna nazionale di vaccinazione”. “Lo dico con lo stesso spirito alle forze politiche che in quest’Aula sono opposizione e alle forze di maggioranza che sono invece all’opposizione nella grande parte delle Regioni italiane. E’ troppo importante l’obiettivo che perseguiamo per macchiarlo con polemiche inutili che fanno male a tutti, ed in particolare agli italiani che con il vaccino possono e devono uscire da questo lungo incubo che stiamo vivendo”.