Crisi di governo: il premier Conte sale al Colle da Mattarella: “Presto un chiarimento in Parlamento”

Il premier Conte è salito al Quirinale per incontrare il presidente Mattarella
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha espresso la sua intenzione di andare al più presto in Parlamento per “l’indispensabile chiarimento politico” mediante comunicazioni. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dal quale il premier era andato nel pomeriggio, “ha preso atto – si legge in un comunicato del Quirinale – degli intendimenti così manifestati dal presidente del Consiglio”. “Questo è un momento in cui ci sono tante sfide, il Paese non capirebbe”, dice Conte, che pare chiudere all’ipotesi reponsabili: “Serve una maggioranza solida”. “Le persone ci chiedono di continuare”, ha aggiunto il presidente del Consiglio. Ma la continuità non ci sarà a tutti i costi: “Ho sempre detto che il governo può andare avanti solo con il sostegno di tutte le forze di maggioranza”, ha spiegato, chiudendo anche all’ipotesi del ricorso ai cosiddetti responsabili: “Ci vuole una maggioranza solida per portare avanti l’azione del governo”. Uno scenario messo fortemente in dubbio dalle possibili dimissioni delle ministre di Italia viva: “Spero non si arrivi a questo, sto lavorando ad un patto di legislatura e serve uno spirito costruttivo”, ha ribadito il premier, “io fino all’ultima ora lavorerò per rafforzare la coalizione. L’interesse dei cittadini viene prima di tutto”.