Trani: “L’amministrazione di Ladispoli è bloccata, si limita ad azioni di marketing”

Eugenio Trani
Comunicato congiunto di Movimento Civico Ladispoli Città – Ladispoli nel Cuore – Ladispoli al Centro, che evidenziano i fallimenti della giunta Grando. A questo proposito commenta il consigliere di riferimento Eugenio Trani: “…è dura da comprendere…” “Per Ladispoli è sempre più urgente un cambiamento. Tanto più dentro questa crisi sanitaria che si sta facendo sempre di più sociale ed economica. Con un’amministrazione bloccata, che si limita ad azioni di marketing e poco altro, isolata dalla città e che si caratterizza solo per gli scontri che l’attraversano. Oggi ancora più evidenti dopo la nascita del governo Draghi, con alcune forze come la Lega che, con una capriola, lo sostengono o come Fratelli d’Italia che si è posta all’opposizione. Ciò che è assurdo però è l’immobilismo che dicevamo. Ci si limita all’ordinario, senza alcuna programmazione che in un momento come questo sarebbe fondamentale; quali le decisioni che l’amministrazione Grando ha preso in questa fase? Nessuna. Una gestione dell’emergenza, governata esclusivamente grazie agli stanziamenti regionali; un governo, peraltro, da porre a verifica in ogni singola decisione: sulla gestione dei buoni spesa, ad esempio. Decisioni spesso opache, che ripetono un modello di “potere per il potere” che torna utile solo a qualcuno. Ignorando la tempesta economica e sociale in corso. Chiudendosi nel Palazzo e uscendo solo per qualche foto opportunity. Nessuna capacità di allinearsi, perlomeno a ciò che potrebbe accadere con un futuro rilancio che passa per le risorse del Next Generation di cui tutti parlano, ma senza toccare in questo momento minimamente ciò che avrebbe un risvolto positivo sul tessuto sociale produttivo: vogliamo parlare ancora della gestione dei servizi sociali? Vogliamo verificare a che punto sono le tanto sbandierate varianti urbanistiche, quelle che erano passate come inalienabili per il rilancio della città? Vogliamo vedere a che punto siamo con l’annosa questione dell’acqua che, nel silenzio assordante dell’amministrazione, sta diventando privata? Vogliamo soffermarci sui diversi scandali che hanno attraversato la gestione delle assunzioni, in un momento così delicato poi, dove invece che la competenza ha trionfato ben altro (tanto da costringere il delegato al personale ad intervenire per smentire la partecipazione di un consigliere comunale a un concorso pubblico)? Vogliamo parlare del livello dei servizi e del loro costo? Delle tasse? In questo modo l’attuale amministrazione pensa di farsi trovare pronta alla fine, speriamo imminente, della pandemia? Continuiamo la serie di incontri con la cittadinanza, per costruire ciò di cui la città ha necessità. Incontri con le categorie, con le associazioni culturali, con le realtà produttive, sociali e giovanili della città. Da questi incontri sta emergendo largamente il bisogno di una svolta. A questa parte maggioritaria di Ladispoli, noi vogliamo dare una risposta. Necessaria e urgente. Da subito”. Movimento Civico Ladispoli Città – Ladispoli nel Cuore – Ladispoli al Centro