Frosinone, la Finanza sequestra 14 tonnellate di esplosivo

La Guardia di Finanza in azione ad Ancona
Sequestrate dalla Guardia di finanza del Comando provinciale di Frosinone oltre 14 tonnellate di esplosivo, conservate senza l’adozione delle necessarie cautele, e il relativo impianto di produzione. In particolare, le Fiamme Gialle del Gruppo di Cassino hanno individuato un’attività di trasbordo di una ingente quantità di esplosivo da un furgone a un autoarticolato, entrambi di proprietà di una società di produzione di materiale esplodente, effettuata all’interno di un’area di parcheggio di Cassino aperta al pubblico, vicina a esercizi commerciali e abitazioni private. I finanzieri, rilevata l’assenza di una guardia giurata di scorta alle operazioni di trasbordo dell’esplosivo e delle prescritte autorizzazioni e comunicazioni alle competenti Autorità, hanno esteso il controllo allo stabilimento di produzione del materiale. Il rappresentante legale della società, un 85enne, è stato denunciato per fabbricazione abusiva di materiale esplodente e per reati in materia ambientale.