Coronavirus, Matteo Bassetti è il ‘virologo contro’: “La scelta di fare zona rossa a Pasqua è ipocrita”

Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova
“La scelta di fare zona rossa a Pasqua è ipocrita. E’ impossibile far rispettare una zona rossa per 60 milioni di persone. Bisognava andare a fare le festività pasquali coi colori che le Regioni avevano in quel momento”. A dirlo Matteo Bassetti, direttore delle Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, intervenuto a ‘Un giorno da pecora’ su Radio uno. “Sono molto critico – ha spiegato – sulla decisione di fare questa enorme zona rossa. Sono decisioni di una totale e completa ipocrisia. Questo perché alla fine non le rispetterà nessuno. Il Governo e lo Stato non saranno in grado di farle rispettare. Aveva più senso, nelle vacanze pasquali, andare per colori. Questo provvedimento unico, per tre giorni, e mi dovrebbero spiegare a che cosa serva, lo rispetto da buon cittadino, ma non lo comprendo. Chi lo ha deciso, se ne assume le responsabilità”. “La Spagna è Paese civile, hanno avuto punto di vista meno ipocrita e più intelligente di noi -ha proseguito Bassetti-. Noi chiudiamo i ristoranti e i bar, ma la gente va in giro dove vuole, assembrandosi, mentre, ad esempio, nei ristoranti sarebbero stati più controllati”. “Cosa penso di chi va in vacanza in Spagna per Pasqua? Non è giusto attaccare chi ci va, visto che è lecito farlo -ha risposto-. Mi dispiace che si vada fuori, ma non mi sento di biasimare chi ha deciso di andare alle Baleari”.