Coronavirus, in Italia per il mese di giugno arriveranno 50 milioni di dosi di vaccini

Le vaccinazioni in Italia
Nel mese di aprile è prevista in Italia la consegna di 8 milioni di dosi di vaccino, ovvero il 15% di tutti gli arrivi programmati nel secondo trimestre (aprile-giugno) del 2021, ovvero 50 milioni. Riguardo al mese appena passato, con l’arrivo di oltre 1,3 milioni di dosi di AstraZeneca (Vaxzevria), giunte nelle ultime ore all’hub nazionale della Difesa di Pratica di Mare, si è concluso l’approvvigionamento di vaccini del primo trimestre 2021: in tutto quasi 14 milioni (ma in base ai contratti iniziali con Pfizer-BioNtech, Moderna e AstraZeneca, erano invece previsti oltre 28 milioni di ‘shot’). Pfizer ha inviato gli 8,7 milioni di dosi pattuite entro il 31 marzo – sebbene con alcuni ritardi intermedi – e Moderna lo stesso con i suoi 1,3 milioni. AstraZeneca ha consegnato appena un quarto – 4 milioni – delle dosi promesse, 16 milioni. Aldilà delle consegne di Pfizer e AstraZeneca previste la prossima settimana, il nuovo vaccino monodose Johnson & Johnson sarà distribuito in Europa dal 19 aprile e per l’Italia sono previste inizialmente 400mila dosi. In generale, la campagna vaccinale prosegue a ritmi progressivamente più alti sfiorando la quota di 11 milioni di somministrazioni a livello nazionale, circa 6 milioni delle quali nel solo mese di marzo.