Un cittadino ipotizza: “Giacigli per coppiette alla Banditaccia”

Un cittadino racconta che durante una battuta di ricerca di asparagi si è imbattuto in un cumulo di fronde in punti strategici della necropoli della Banditaccia. Strategici perché piuttosto riparati, il che farebbe pensare che si tratti di luoghi appartati per coppiette in cerca di intimità. La lettera pubblicata da Terzobinario.it: “Mentre cerco asparagi in boschetto, nei pressi della Necropoli “La Banditaccia” a Cerveteri, mi imbatto in una postazione fra gli alberi, costruita con ramoscelli tagliati di recente, larga un metro e alta un metro e mezzo circa, in terra noto impronte umane fresche e alcuni fazzoletti di carta usati. Mi avvicino e di fronte, fra una serie di rametti spezzati a formare una specie di oblò nel folto della vegetazione, vedo a 5-6 metri davanti e un paio di metri in basso, una stradina sterrata, transitabile, appartata e che si trova all’interno di una radura. In seguito, nel giro di pochi metri trovo altri due vecchi appostamenti simili. Mah! Non so perché ma mi sono venute in mente quelle coppiette che si potrebbero aggirare da quelle parti”.