Lo stop del vaccino J&J blocca l’apertura di due nuovi hub e rischia di rallentare la campagna vaccinale nel Lazio

Le vaccinazioni nel Lazio
Lo stop del vaccino J&J blocca l’apertura di due nuovi hub e rischia di rallentare la campagna vaccinale che puntava a far entrare in campo a breve anche la rete delle farmacie con circa 20mila somministrazioni al giorno del siero monodose. A causa del blocco del vaccino Johnson&Johnson, con le dosi ferme a Pratica di Mare, sono sospese le aperture dei due hub vaccinali di Tor Vergata e di Valmontone che erano previste per il 19 aprile. I due maxi hub, infatti, avrebbero dovuto somministrare J&J. E sul fronte vaccini l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, oggi ha sottolineato: «Sono rimasto perplesso da quello che ha dichiarato la presidente della commissione Ue parlando di una sorta di graduatoria dei vaccini, dando più valore a quelli del tipo mRna rispetto al quelli a vettore virale. Non so se abbia ragione, questo ce lo deve dire la comunità scientifica non certo un esponente, seppur autorevole, dell’Europa – ha aggiunto l’assessore – altrimenti si rischia di creare un danno alla campagna di vaccinazione. Tra l’altro ho letto l’ultimo rapporto dell’Aifa da cui emerge che i vaccini mRna hanno un livello di segnalazione per effetti collaterali superiore agli altri. Non possiamo autolimitarci – ha concluso – altrimenti rischiamo di creare un rallentamento della campagna vaccinale».