Avellino, 53enne ucciso a coltellate perchè non approvava la relazione della figlia con un ragazzo

La polizia a Trastevere
Sarebbe stato ucciso dalla figlia e dal fidanzato di quest’ultima perché non approvava la loro relazione. E’ successo ieri sera ad Avellino, dove un uomo di 53 anni è morto all’ospedale Moscati dove è stato trasportato d’urgenza per le gravi ferite causate dalle coltellate inferte dai due giovani. Le indagini della Squadra mobile di Avellino, scattate dopo l’intervento delle volanti nell’abitazione dell’uomo, si sono subito concentrate sui due giovani: la figlia, di 18 anni, e il suo fidanzato, di 22 anni. I due sono stati trovati alcune ore dopo, in piena notte, nella casa del ragazzo e fermati per omicidio. Il delitto, secondo una prima ricostruzione, sarebbe stato premeditato: i due non sopportavano che il padre della ragazza non accettasse la loro relazione sentimentale. L’omicidio è avvenuto nell’abitazione in cui il 53enne viveva con la moglie e le due figlie.