Diritti Lgbt: il Tribunale Civile boccia il Campidoglio sul mancato riconoscimento dei figli a una coppia gay di Cerveteri

Il Tribunale Civile di Roma ha accolto il ricorso presentato da una coppia omosessuale alle quali l’ufficiale di Stato Civile del Comune di Roma aveva negato l’annotazione dell’atto con il quale uno dei due genitori aveva legittimamente riconosciuto innanzi all’Ufficiale di Stato Civile del Comune di Cerveteri la minore I.R.N.. E’ quanto si legge nel decreto 13649/2019 RGVG emesso dal tribunale il 4 aprile 2021. “Una nazione che non riconosce il diritto ad essere madre è una nazione che calpesta i diritti civili. In Italia da anni la politica volta le spalle quando deve assumersi la responsabilità di fare scelte importanti per riconoscere i diritti sacrosanti ai genitori e ai figli”, afferma il sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci. “Come sindaco di Cerveteri, quindi, ho personalmente registrato l’atto che sancisce la maternità dell’altra donna, compiendo un gesto in linea con i nostri principi Costituzionali che la sentenza del tribunale di Roma di fatto confermano. Questo gesto spero che sia da esempio ma soprattutto da sprone per il governo affinché nessun figlio venga lasciato senza il diritto di avere due genitori, che siano omosessuali o etero”, conclude Pascucci. Lo comunica in una nota l’Ufficio Stampa del sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci.