“Carenza loculi nei cimiteri di Cerveteri, avreste dovuto pensarci prima e risolvere il problema”

I consiglieri Luca Piergentili e Anna Lisa Belardinelli
Non si spengono i riflettori sulla carenza di loculi nei cimiteri etruschi. Un problema iniziato “già nel 2016” come evidenziato dai consiglieri di opposizione Annalisa Belardinelli, Luca Piergentili e Maurizio Falconi e di cui “nessuno si occupa”. “La soluzione è quella di chiedere un aiuto temporaneo al vicino comune di Ladispoli, ma la noncuranza dei nostri amministratori ci fa chiudere le porte nel 2019”. “Cercano allora di tamponare con delle estumulazioni al cimitero di via dei Vignali, ma poi abbandonano l’idea”. “Optano per delle estumulazioni straordinarie al vecchio cimitero comunale – hanno proseguito – giustificate dall’emergenza, ma l’esiguo numero di loculi liberati non risolve minimante il problema”. “Nel frattempo l’opposizione continua a chiedere l’ampliamento del cimitero di Via dei Vignali, per il quale c’era già un progetto esecutivo del 2015 (costato oltre 11.000 euro) e il parere positivo della sovrintendenza. Risposta della maggioranza: l’opera è troppo costosa e comunque non è una priorità di questa amministrazione!”. Decidono dunque di realizzare nuovi loculi al Sasso, nella convinzione che a breve riusciranno a realizzare un quinto cimitero, a gestione privata, ma avevano sopravvalutato le loro capacità e il progetto viene bocciato per ben due volte…”. E oggi secondo quanto affermato dai consiglieri comunali la situazione è arrivata quasi al limite: “Sono rimasti una decina di loculi al Sasso”, hanno fatto presente “e allora corrono ai ripari tamponando l’emergenza con esumazioni ed estumulazioni ordinarie al cimitero di via dei Vignali e i cittadini, che hanno i loro cari in loculi con concessioni scadute, non possono procedere al rinnovo, dovevano pensarci prima, entro dicembre 2020”. “Nulla da dire sulla correttezza delle procedure attuate dagli uffici, ma non possiamo non attaccare duramente l’immobilismo di questa maggioranza. Cari amministratori voi avreste dovuto pensarci prima e risolvere il problema”. “Avreste dovuto avvisare i cittadini di quest’ultimo termine per il rinnovo, ma ovviamente quando la pubblicità non è positiva per voi, non ci sono post, articoli di giornali o dirette Facebook…Una sola parola: vergogna”.