La Regione Lazio sospende le vaccinazioni AstraZeneca per gli over 18

Il vaccino AstraZeneca
“Ieri sera abbiamo sospeso il prosieguo della open week per gli over 18 con AstraZeneca e ora sono in corso i richiami per chi il vaccino lo ha già fatto”. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato, presentando il nuovo sistema di prenotazione dei medici di medicina generale. “Le prenotazioni sono sospese – ha continuato D’Amato – e gli appuntamenti dei cittadini che hanno prenotato la somministrazione della prima dose con AstraZeneca durante l’open week verranno riprogrammati con altri vaccini”. “Nella giornata odierna abbiamo 9mila seconde dosi e questo è il tema vero – ha sottolineato D’Amato – il Cts dovrà decidere in modo chiaro cosa fare sulle seconde dosi perché comporta un elemento organizzativo, di approvvigionamento e trasparenza nei confronti dei cittadini che hanno avuto la prima dose con Astrazeneca”. Intanto l’assessore D’Amato ha annunciato di aver aperto le prenotazioni per le vaccinazioni della fascia 29-25 anni. “Siamo al 94% di adesione negli over 80, all’88% negli over 70, all’80% negli over 60 e al 63% negli over 50 – ha detto – stanotte abbiamo aperto le prenotazioni per la fascia 29-25 e l’ultima, 24-17, verrà aperta domenica”.
AGGIORNAMENTO del 11.06.2021 ore 18.20

Ladispoli, Ostia e Sabaudia, D’Amato: “Pronti a vaccinare i vacanzieri ma servono garanzie”

“I nostri hub al mare sono pronti: a Sabaudia, a Ladispoli, a Ostia. Il punto è un altro. Dobbiamo avere garanzie sui ristori, sulle dosi a compensazione da parte del governo; per fare i vaccini ai vacanzieri non possiamo togliere fiale ai nostri residenti. Per quanto mi riguarda, si può pensare alle dosi in villeggiatura solo per chi si sposta almeno per 3 settimane. Ma serve una direttiva valida in tutta Italia, altrimenti potrebbe succedere che in Sicilia magari va bene soggiornare una settimana e in Toscana quattro. Dal 14, i dati sono molto buoni, l’Rt è a 0,35. C’è spazio per nuove aperture, faremo un’ordinanza per aumentare da mille a 1.500 posti il limite degli spettatori per gli eventi all’aperto”. Così, in un’intervista a Il Messaggero, Alessio D’Amato, l’assessore alla Sanità del Lazio