Anniversario 11 settembre, parla il presidente Biden: “Mentre continuiamo a riprenderci da questa tragedia sappiamo per certo che non c’è nulla che l’America non possa superare”

Il presidente Usa Joe Biden
“Mentre continuiamo a riprenderci da questa tragedia, sappiamo per certo che non c’ènulla che l’America non possa superare”: lo afferma Joe Biden, proclamando il 10 e l’11 settembre ‘Giorni nazionali di preghiera e ricordo’ in occasione del ventennale degli attacchi di Al-Qaida alle Torri Gemelle e al Pentagono. “I semi del caos, piantati quel settembre da coloro che desideravano ferirci, sono fioriti invece in campi di speranza per un futuro più luminoso”, sottolinea, assicurando che le vittime dell’11/9 non saranno “mai dimenticate”. Il discorso del presidente “Mentre continuiamo a riprenderci da questa tragedia, sappiamo per certo che non c’è nulla che l’America non possa superare. Attraverso il dolore, con l’aiuto di Dio, troviamo la forza. Attraverso il ricordo, nella misericordia di Dio, troviamo la guarigione. Andiamo avanti con risolutezza, conservando per sempre i ricordi delle anime che morirono quel giorno”. Così il presidente Usa, Joe Biden, “I semi del caos, piantati quel settembre da coloro che volevano farci del male, sono invece sbocciati in campi di speranza per un futuro più luminoso. Una nuova generazione di patrioti – molti dei quali erano solo bambini in quella luminosa mattina di settembre, alcuni dei quali non erano ancora nati – ora prestano servizio nelle nostre forze armate, come agenti delle forze dell’ordine e vigili del fuoco, come paramedici, nelle sale del nostro edifici, e non solo, determinati a ricostruire il nostro Paese meglio, più sicuro e più unito”, ha aggiunto Biden. “Durante questi Giorni nazionali di preghiera e ricordo, riflettiamo solennemente sulla libertà e la tolleranza che fanno parte della nostra indole statunitense. Ci impegniamo a preservare i ricordi dei nostri cari caduti con la stessa tenacia con cui sosteniamo i valori americani che sono la radice della nostra forza. Preghiamo per le vittime e per tutti coloro che ancora piangono la loro perdita. Possa il potere della preghiera portare conforto e che Dio benedica gli Stati Uniti d’America”. Proclamando i Giorni nazionali della preghiera e del ricordo Biden ha invitato i cittadini statunitensi a “onorare e ricordare le vittime dell’11 settembre 2001 e i loro cari attraverso la preghiera, la contemplazione, i servizi di commemorazione, la visita ai memoriali, il suono delle campane, le veglie commemorative serali a lume di candela e altre cerimonie e attività. Invito le persone di tutto il mondo a partecipare a questa commemorazione. Invito i cittadini della nostra Nazione a ringraziare, secondo la propria fede e coscienza, per le nostre numerose libertà e benedizioni, e mi unisco a tutte le persone di fede nelle preghiere per la guida spirituale, la misericordia e la protezione”.