Effetto Covid: in crescita lo sharing anche per i giocattoli

Il periodo pandemico ha visto una crescita della vendita dei giocattoli. Questo dato emerge da uno studio di Assogiocattoli. Nell’ultimo semestre il settore  è cresciuto a doppia cifra, con le vendite aumentate di oltre il 18% e anche rispetto al 2019, anno pre-pandemia, il dato cresce del 3%. I giocattoli si sono rivelati fondamentali per le famiglie che si sono anche rivolte ai produttori attraverso i siti internet e i social per essere supportate nel trovare modalità efficaci per crescere e distrarre i loro bambini giocando. Dall’esperienza del 2020 nasce ora la campagna “Gioco per Sempre” di Assogiocattoli con l’obiettivo di sensibilizzare le famiglie sull’importanza del gioco dal punto di vista pedagogico, sociale e culturale e per imparare ad usare i giocattoli in tutte le fasi di sviluppo dei bambini, non solo in occasione di compleanni o del Natale. L’associazione ha anche fatto un quadro su quelli che sono i nuovi trend del gioco per l’inverno 2021: anche quest’anno le costruzioni vantano i trend di crescita più elevati ma crescono le vendite dei peluche, i giochi in scatola e i cardgame per i ‘kidult’, cioè i giovani adulti. Seguono le bambole fashion e i giocattoli per la prima infanzia.  Tra i  nuovi comportamenti e scelte crescono lo shopping online, lo sharing di giocattoli che si possono affittare e la svolta green dei produttori che sfornano, ad esempio, peluche fatti interamente di plastica riciclata,confezioni più green e nuove modalità per rottamare i giochi vecchi che i brand ricicleranno in nuovi prodotti. Nuovi progetti di supporto per i genitori nell’uso ideale dei giocattoli a finalità pedagogiche e di crescita dei figli.