Alghero, arrestato l’ex presidente della Catalogna Carles Puigdemont

L'ex presidente della Catalogna Carles Puigdemont
L’ex presidente della Catalogna Carles Puigdemont è stato arrestato dalla polizia al suo arrivo all’aeroporto di Alghero sulla base di un mandato di arresto europeo emesso dalle autorità spagnole per reati contro l’ordine e la sicurezza pubblica nazionale. È stato il quotidiano El País, citando fonti giuridiche, a rivelare il trasferimento di Puigdemont nel carcere di Sassari. In vista dell’udienza, a breve, il giudice dovrà decidere “se rilasciarlo o ordinare l’estradizione” in Spagna, scrive l’entourage dell’ex presidente catalano in una nota. A confermare la notizia è stato anche l’avvocato di Puidgemont, Gonzalo Boy. E ora l’arresto in Sardegna dell’ex presidente della Generalitat catalana apre l’ennesimo capitolo della guerra giudiziaria fra l’indipendentismo catalano e la magistratura spagnola – conflitto che in ultima analisi spetterà all’Europa dirimere. L’effettiva validità del fermo e la possibile estradizione – su cui dovranno pronunciarsi i magistrati del Tribunale di Sassari – dipende infatti dall’intepretazione della sentenza della Corte europea sulla revoca dell’immunità parlamentare europea di cui godono Puigdemont e altri deputati indipendentisti.  In seguito all’arresto, la diplomazia spagnola si è attivata inviando il console onorario di Spagna per le province di Sassari, Nuoro e Oristano, l’avvocato algherese Fabio Bruno, con l’obiettivo di verificare che al leader dell’indipendentismo catalano sia garantito il rispetto delle regole internazionali.  Ad Alghero, unica città italiana di cultura e lingua catalana, il leader indipendentista avrebbe dovuto partecipare a un incontro con il movimento autonomista sardo e incontrare il presidente della Regione, Christian Solinas, e il presidente del consiglio regionale, Michele Pais. Stamane alle 9 a Sassari si terrà un sit in delle forze indipendentiste di fronte al Tribunale contro “il grave atto che ha compiuto la polizia e magistratura italiana in territorio sardo – afferma il leader di Sardigna Natzione, Bustianu Cumpostu, uno dei promotori -. Come osa la gendarmeria tricolore infangare la nostra terra arrestando un nostro ospite, gradito e importante, pur sapendo quanto l’ospite sia sacro e intoccabile nella nostra cultura. Sappia Puigdemont – chiude Cumpostu – che non lo lasceremo solo, che saremo al suo fianco”. La fuga dalla Spagna  Il 30 ottobre 2017 Puigdemont era espatriato a Bruxelles per sottrarsi all’arresto dopo che la Procura di Madrid aveva accusato di ribellione l’intero esecutivo catalano in seguito al referendum del primo ottobre del 2017 sull’indipendenza di Barcellona. L’ex presidente si era rifiutato di tornare in patria per testimoniare e le autorità spagnole avevano emesso a suo carico un mandato d’arresto europeo che un mese dopo il Tribunale supremo aveva ritirato, consentendo così a Puigdemont di viaggiare per internazionalizzare la sua causa, senza però autorizzarne il rientro in Spagna. A marzo del 2018 le autorità spagnole hanno emanato un nuovo mandato di arresto europeo nei confronti di Puigdemont, fermato in Germania mentre tenta di tornare in Belgio dalla Finlandia. Berlino lo rilascia, ma gli proibisce di lasciare il Paese. A luglio un tribunale locale in Germania si rifiuta di estradare l’ex leader con l’accusa di ribellione e ritira le misure che gravavano su di lui. Puigdemont torna in Belgio. Il 26 maggio 2019 è stato eletto parlamentare europeo ma non ha potuto recarsi a Madrid per ricevere l’investitura ufficiale, pena l’arresto. La Spagna non considera infatti il leader catalano un europarlamentare, quindi non ne riconosce l’immunità che invece gli è stata riconosciuta dall’assemblea di Strasburgo il 2 giugno del 2020. A marzo del 2021 il Parlamento europeo ha votato a favore della revoca dell’immunità di Puigdemont ed il 30 luglio del 2021 il Tribunale dell’Unione europea ha respinto la richiesta di sospensione della revoca dell’immunità parlamentare all’ex presidente della Catalogna e ai suoi ex ministri Toni Comín e Clara Ponsatí. “Non vi è motivo di ritenere che le autorità giudiziarie belghe o le autorità di un altro Stato membro possano eseguire i mandati d’arresto europei emessi nei confronti dei deputati e consegnarli alle autorità spagnole”, sentenzia il Tribunale dell’Ue. Ora l’arresto in Sardegna. L’avvocato Boye ha scritto su Twitter che il suo assistito è stato ammanettato in base a un ordine di arresto che sarebbe in realtà “sospeso”. La parola passa ora ai giudici della Corte d’Appello di Sassari.